Matrimonio

Ultimi contenuti per il percorso 'Matrimonio'

“Questa storia può servire a chi può leggerla e per questo la vogliamo condividere”. Per questo Michael ed Elisabetta, da pochi giorni marito e moglie, hanno deciso di affidarla in esclusiva alle pagine di Toscana Oggi, sul numero in uscita in questi giorni, raccontandola nella loro casa a Firenze, un bell’appartamento della Fondazione Tommasino Bacciotti.

La diocesi di Livorno ha reso nota oggi una disposizione in cui si dà possibilità a chi magari da tempo convive o ha contratto solo un matrimonio civile, di poter celebrare il Sacramento del matrimonio nella semplicità della propria casa, insieme anche solo ai testimoni. 

Per fare in modo che un matrimonio risulti perfetto, è indispensabile una pianificazione accurata: nessun dettaglio può essere lasciato al caso, e il consiglio è quello di cominciare a pensare a tutti gli aspetti con un certo anticipo in modo da non ritrovarsi all’ultimo momento con mille telefonate da fare e l’ansia da prestazione. Non ci si deve abbattere se all’inizio si ha la sensazione che siano tantissimi i particolari da coordinare e gestire, perché poi con il passare del tempo tutto si semplifica.

Nel 2019 sono stati celebrati in Italia 184.088 matrimoni, 11.690 in meno rispetto all’anno precedente (-6,0%). Il calo riguarda soprattutto i primi matrimoni. Scendono anche le seconde nozze o successive (-2,5%) ma aumenta la loro incidenza sul totale: ogni 5 celebrazioni almeno uno sposo è alle seconde nozze. Lo rileva l’Istat nel report su matrimoni, unioni civili, separazioni e divorzi relativo al 2019.

Dopo alcuni anni di stop torna l'appuntamento con la festa di San Valentino. Sarà celebrato domani domenica 14 febbraio alle 18 in cattedrale con una Messa, che sarà presieduta dal vescovo Rodolfo e a cui sono invitati a partecipare le coppie di innamorati: sposi o fidanzati, ma anche chi cerca l’amore.

Il Papa ha ricevuto oggi in udienza i prelati uditori, gli officiali, gli avvocati e i collaboratori del Tribunale della Rota Romana, in occasione dell’inaugurazione dell’Anno Giudiziario: "la sollecitudine materna della Chiesa di fronte a tante sofferenze hanno trovato un utile strumento pastorale nell’Esortazione apostolica Amoris laetitia”, in cui “vengono date chiare indicazioni affinché nessuno, soprattutto i piccoli e i sofferenti, sia lasciato solo”

Francesco e Stefania, Rachele e Giulio raccontano la loro scelta di fissare, per i prossimi mesi, la data del matrimonio in chiesa. «All’inizio è stato difficile pensare di rinunciare anche a cose banali, come portare le partecipazioni o organizzare il coro. Però ci è stato di grande aiuto parlare fra noi e confrontarci con amici, parenti e testimoni, che ci hanno aiutati a capire quali fossero le cose davvero importanti»