Francigena

Ultimi contenuti per il percorso 'Francigena'

La giunta regionale ha approvato la proposta di tracciato arrivata dal «Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna» per il tratto della Via Romea Germanica che lo attraversa. L'approvazione è arrivata sentita la Consulta tecnica della Rete Escursionistica Toscana (R.E.T.), i Carabinieri-Forestali e il Club Alpino Italiano e ne permetterà l'inserimento nel catasto della Rete.

Sono circa 300, tra padri sinodali, uditori del Sinodo e ragazzi provenienti da alcune parrocchie della città di Roma, i partecipanti al pellegrinaggio lungo la Via Francigena, partito questa mattina, alle 8.30, dal Cento Don Orione di via della Camilluccia. L'arrivo in piazza San Pietro è previsto alle 11.30, mezz'ora dopo inizierà la Messa all'Altare della Cattedra.

«Fare della parrocchia la casa dei giovani». È una delle proposte emersa dai padri sinodali, secondo quanto ha riferito Paolo Ruffini durante la conferenza stampa a chiusura della seconda settimana del Sinodo dei vescovi sui giovani. Il 25 ottobre, i padri sinodali riuniti in Vaticano per il Sinodo dei vescovi sui giovani compiranno un pellegrinaggio lungo l'ultimo tratto della Via Francigena.

Una via di pellegrinaggio tra Firenze e Pistoia, nel nome di San Jacopo e di Celestino V. È la proposta del Centro Turistico Giovanile (Ctg): una proposta che si innesta sull’iniziativa che un gruppo di parrocchiani di San Jacopino ha già concretizzato da alcuni anni, ma che potrebbe diventare qualcosa di più strutturato e accessibile a tutti.
L’idea, spiega Riccardo Baldi del Centro Turistico Giovanile, è nata in Abruzzo, dove sono stati aperti alcuni percorsi sui sentieri legati al nome di San Pietro da Morrone, ovvero Papa Celestino V.