Giovani

Ultimi contenuti per il percorso 'Giovani'

La mobilitazione delle «sardine» richiede un supplemento di analisi e come tutti i fenomeni sociali allo stato nascente non può essere incasellato all'interno di uno schema.

«Il mio soggiorno in questo Paese è stato breve ma intenso. Ringrazio Dio e tutto il popolo giapponese per l'opportunità di visitare questo Paese, che lasciò una forte impronta nella vita di San Francesco Saverio e dove tanti martiri hanno dato testimonianza della loro fede cristiana». A fare un primo bilancio del viaggio è stato il Papa, nell'ultimo discorso pronunciato in Giappone, alla Sophia University di Tokyo, l'università cattolica fondata dai gesuiti nel 1913.

Non cosa possiedo ma con chi condivido e «per chi vivo». Papa Francesco incontrando i giovani giapponesi nella Cattedrale di Santa Maria Immacolata di Tokyo, li ha esortati a porsi questa domanda per non vivere da «zombi», in società ricche ma schiave della solitudine. Il forte invito di Francesco è stato quello di imparare a donarsi e ad accogliere chi cerca rifugio nel Paese.

Nella prima tappa del suo viaggio in Giappone, Papa Francesco ha incontrato i vescovi del Paese e ha chiesto loro di promuovere «lo sviluppo integrale delle persone», e combattere la disperazione dei giovani, aprendo la «cultura del successo» a quella dell’amore gratuito, che offra a tutti, non solo agli «arrivati» la possibilità di una vita felice.

Per martedì 26 novembre, al cinema teatro della Compagnia a Firenze, la Caritas toscana ha organizzato una bellissima iniziativa: «Caritas e Scuole si incontrano», a cui parteciperanno anche i ragazzi del servizio civile regionale 2019-2020. Un momento importante per scambiarsi esperienze e buone pratiche.

(Bruxelles) Le autorità di bilancio dell'Unione europea - ossia Parlamento e Consiglio -, supportate dalla Commissione, hanno concordato nella notte il bilancio comunitario per il 2020. Due le cifre di riferimento: 168,69 miliardi di euro in impegni (cioè le cifre che possono figurare nei contratti nel corso di un anno) e 153,57 miliardi di euro in crediti di pagamento (gli importi che possono essere effettivamente erogati in 12 mesi).