Giubileo

Ultimi contenuti per il percorso 'Giubileo'

Elemosina: una parola che in greco vuol dire misericordia, un gesto grande di amore e cura per l’altro, troppo spesso svuotato dal suo contenuto reale che invece va compreso e messo in pratica soprattutto per la gioia interiore che è in grado di suscitare. E’ questo il tema su cui si è soffermato Papa Francesco durante l’udienza giubilare in piazza San Pietro affollata dai membri della Federazione italiana dei settimanali cattolici, che hanno festeggiato il 50esimo anniversario di fondazione. 

«Festa di popolo» oggi in piazza San Pietro per il Giubileo della Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici) che ha dato inizio al 50° anniversario di fondazione della federazione. Dopo la catechesi dell'udienza giubilare, il Papa ha salutato una rappresentanza della Fisc e ha consegnato al presidente, Francesco Zanotti, l'incoraggiamento. 

Dopo il weekend inaugurale del Mercato nel Campo torna domani, sabato 9 e domenica 10 aprile «Siena in cammino». Il doppio appuntamento promosso dal Comune di Siena per festeggiare il Giubileo nell’Anno Nazionale dei Cammini, propone visite guidate al Santa Maria della Scala e al Duomo (in programma ogni sabato di aprile) e il percorso a piedi lungo la Via Francigena, da Siena a Ponte d’Arbia (ogni domenica di aprile) 

Nel 2016 la Federazione italiana dei settimanali cattolici celebra i cinquant'anni dalla fondazione. Il primo evento per ricordare quest'importante anniversario sarà la partecipazione, sabato 9 aprile, all'udienza giubilare con Papa Francesco in piazza San Pietro. «Dobbiamo essere costruttori di ponti», dice il presidente della Fisc, Francesco Zanotti. E continuare «a lavorare di ago e filo per cucire»

«Dopo aver riflettuto sulla misericordia di Dio nell’Antico Testamento, oggi iniziamo a meditare su come Gesù stesso l’ha portata al suo pieno compimento». Con queste parole il Papa ha cominciato la catechesi dell’udienza di oggi, in cui ha iniziato un ciclo di riflessioni sul rapporto tra Gesù e la misericordia. Presenti in piazza San Pietro 25 mila fedeli. L'incontro con la piccola Lizzy.

Uscire da noi stessi, per testimoniare la “forza risanatrice” dell’amore di Cristo. Questa la strada “a senso unico” che Gesù risorto ci indica per andare verso “un’umanità spesso ferita e timorosa, che porta le cicatrici del dolore e dell’incertezza”. Lo ha evidenziato Papa Francesco, celebrando in piazza San Pietro la messa nella Domenica della Divina Misericordia, giorno del Giubileo per quanti aderiscono a tale spiritualità. Il Pontefice ha esortato tutti a “diventare scrittori viventi del Vangelo”, con gesti concreti d’amore, davanti a tante persone che "chiedono di essere ascoltate e comprese”.