Immigrati

Ultimi contenuti per il percorso 'Immigrati'

Sono giunti a mezzanotte nel porto di Corigliano Calabro a bordo della CP 920 nave Gregoretti della Guardia Costiera, i 476 migranti, tra cui 43 donne e 15 minori, tratti in salvo dopo una serie di operazioni di soccorso al largo delle coste libiche. 

Sono quasi 170mila le persone che sono arrivate quest’anno in Sicilia attraversando «miracolosamente» il Mediterraneo, in fuga. «Tante famiglie, come quella di Nazaret, oggi ci ricordano come il mistero del Natale è nascosto anche dietro una fuga, un cammino per sfuggire alla violenza, uno sbarco». Lo afferma il direttore generale della Fondazione Migrantes, monsignor Giancarlo Perego, in un messaggio di auguri che sarà oggi pubblicato sul sito www.migrantesonline.it 

«I cittadini romani devono chiedere scusa ai poveri e ai rom per i fondi sperperati a loro danno, anziché essere stati utilizzati per la soluzione dei loro bisogni»: lo ha affermato oggi a Roma il presidente della Comunità di S.Egidio, Marco Impagliazzo, facendo riferimento all'inchiesta «Mafia capitale», durante la presentazione della guida «Dove mangiare, dormire, lavarsi» per i poveri e senza dimora della capitale.

Francesco Marsico, vicedirettore di Caritas italiana, interviene per evitare il rischio che si faccia di tutta l'erba un fascio: «Se fino ad ora il termine cooperazione evocava l'appartenenza ad un mondo di valori che di per sé garantivano dei risultati, la sfida dei prossimi anni è dimostrare questi valori con i fatti». Rivendicata la correttezza di procedure e bilanci. Chiarita la questione dell'Isee per accedere alle mense

«Grazie dell'accoglienza … ma, accomodatevi. Vi saluto e vi auguro il meglio. Che sempre sia pace nelle vostre famiglie, e ci sia lavoro, che ci sia gioia. La gioia di Gesù, la pace di Gesù, e così andare avanti». Lo ha affermato Papa Francesco, ieri pomeriggio, nell'incontro con i nomadi, nella sua visita alla parrocchia di San Giuseppe all'Aurelio.

Monsignor Enrico Feroci, direttore della Caritas di Roma, denuncia: «Il 12 novembre, in un comunicato stampa sui fatti di Tor Sapienza, parlavamo di anni di abbandono e di politiche sbagliate verso i rom e i rifugiati». In quei giorni «scrivevamo di “cooperative che poco hanno a cuore la sorte delle persone che sono loro affidate”. Frasi che sono oggi la fotografia di quello che è emerso».

«Il Mediterraneo: crocevia di guerre e migrazioni». Sarà il teatro della Misericordia, a Vinci, a ospitare venerdì 28 novembre (ore 21:15) una conversazione su questo, decisamente attuale, argomento.