Immigrati

Ultimi contenuti per il percorso 'Immigrati'

«Non possiamo tollerare che l‘Europa si sia data regole e procedure che di fatto permettono la latitanza di una strategia e di un progetto europeo per affrontare» il dramma dei migranti e dei rifugiati. «Una strategia e un progetto europeo che, però, non può non farsi prossimo all'uomo così come egli è». Lo ha detto il cardinale Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia, che questa mattina è intervenuto al Meeting di Rimini parlando su «Evangelii Gaudium: le sfide. Dall'America Latina all'Italia».

Frontiere (nazionali) e identità (europea), responsabilità (verso i cittadini Ue e verso chi cerca, da profugo, una vita dignitosa) e solidarietà (risposte comuni a problemi comuni), visione politica e progetti fattibili: è questa la via maestra per affrontare l'intera e vasta gamma delle sfide che l'Europa ha di fronte, migrazioni comprese.

Tutti hanno ragione e probabilmente nessuno ha torto. Ma intanto nel Mediterraneo si continua a morire, mentre proseguono gli sbarchi sulle coste italiane. La diatriba che ha visto ancora una volta protagonisti nei giorni scorsi il Governo italiano e la Commissione Ue pone un problema reale: a chi spetta tendere la mano ai migranti provenienti dal nord Africa? Chi si deve far carico dei costi delle operazioni di salvataggio e della successiva accoglienza?

“Mare nostrum” è stata “la più imponente operazione militare umanitaria nel Mediterraneo dell’Italia”, di fronte alla drammatica situazione di migliaia di persone in fuga, soprattutto dalla Siria e dall’Eritrea. Lo afferma oggi il direttore generale della Fondazione Migrantes, mons. Gian Carlo Perego, dopo le recenti dichiarazioni del ministro dell’Interno.

Impegno da parte della Regione a reperire, tra gli immobili di sua proprietà, quelli eventualmente non utilizzati ed immediatamente disponibili e concederli alla Prefettura di Firenze per destinarli all'accoglienza dei profughi. E' questo l'obiettivo primario del protocollo di intesa firmato oggi dalla vicepresidente della Regione e assessore al welfare Stefania Saccardi ed il Prefetto di Firenze Luigi Varratta, alla presenza dell'assessore al diritto alla salute Luigi Marroni.

Passare «da un atteggiamento di difesa e di paura, di disinteresse o di emarginazione - che, alla fine, corrisponde proprio alla cultura dello scarto - ad un atteggiamento che abbia alla base la cultura dell'incontro, l'unica capace di costruire un mondo più giusto e fraterno, un mondo migliore». E' l'atteggiamento con cui il Papa esorta ad affrontare «il grande flusso di migranti presente in tutti i Continenti e in quasi tutti i Paesi», che viene visto ancora «come emergenza, o come un fatto circostanziato e sporadico», mentre è ormai diventato «un elemento caratteristico e una sfida delle nostre società».