Infrastrutture

Ultimi contenuti per il percorso 'Infrastrutture'

Un confronto su tutte le principali opere infrastrutturali previste in Toscana, per valutare tempi e impegni della loro realizzazione. Questo l'obiettivo dell'incontro che questa mattina, a Roma, il presidente della Regione Enrico Rossi ha avuto a Roma con Graziano Del Rio, da tre mesi ministro delle infrastrutture e dei trasporti. Era presente anche Giovanni Bonadio di Logistica Toscana.

La Regione prende atto della decisione del giudice del TAR Toscana che, in ragione della complessità delle valutazioni da svolgere per la prevista udienza del prossimo 10 giugno sulla sospensiva richiesta da Autolinee Toscane, ha «bloccato» fino a tale data la procedura per l'affidamento dei servizi del lotto unico regionale del trasporto pubblico locale.

In Italia per realizzare un'opera pubblica finanziata dalle politiche di coesione ci vogliono 4,5 anni, quale media tra i 7 della Sicilia e i 3,8 dell'Emilia Romagna. Contrariamente al senso comune, la Calabria, con 4,2 anni, è più rapida di diverse regioni del Nord, tra cui Liguria (5 anni), Veneto (4,6) e Friuli (4,7).

Completare il sistema della II Tangenziale di Prato, con questo obiettivo è stato firmato dall'assessore regionale Vincenzo Ceccarelli e dal sindaco Matteo Biffoni un Accordo di programma tra Regione Toscana e Comune di Prato, un atto che permetterà il completamento dello stralcio 3b1 della II tangenziale della città.

«La gente semplice, il popolo degli onesti deve assolutamente reagire senza deprimersi, continuando a fare con onestà e competenza il proprio lavoro ma anche protestando nei modi corretti, democratici, contro questo ‘mal esempio' che sembra essere un regime». Così il cardinale Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente della Cei, commentando lo scandalo degli appalti pubblici su cui sta indagando la Procura di Firenze.

Cinque interventi, considerati strategici per la messa in sicurezza del bacino dell'Arno, potranno beneficiare delle stesse procedure semplificate delle grandi opere grazie al prossimo inserimento nel programma di interventi strategici previsti dalla Legge Obiettivo (Legge 443 del 2001) concretizzatasi, per la Toscana, nell'intesa generale quadro del 2003.