Trasporti

Ultimi contenuti per il percorso 'Trasporti'

La business aviation sta crescendo sempre di più con numeri importanti, e in questo campo la Fast Private Jet S.r.l. è una delle società leader nel settore, con un team di professionisti specializzati. Grazie alla loro esperienza, che ormai supera i vent’anni, riescono a fornire al cliente una vasta gamma di aerei tra cui scegliere e di destinazioni da raggiungere.

Dal 1° al 31 agosto 2019 tutti i cittadini toscani nati nel 2001 potranno usufruire dei treni regionali gratuitamente. Tuttavia non basterà salire a bordo per usufruire del 'regalo di compleanno' fatto dalla Regione a tutti i neodiciottenni, ma sarà necessario essere in possesso della Carta Unica Toscana, da esibire assieme ad un documento di identità (che riporti data di nascita e residenza) in caso di controlli.

E’ difficile che una località così tanto gettonata e meta delle vacanze del jet set nostrano e internazionale possa nascondere un mistero del tutto eccezionale per quelle che sono le conoscenze storico - archeologiche europee, ma è esattamente quello che è accaduto a neanche 10 chilometri da Porto Torres, in Sardegna, con l’unica piramide a gradoni conosciuta in tutta Europa. Quali segreti racchiude dunque il sito di Monte d’Accoddi e cosa c’è nella camera interna alla struttura, ancora inesplorata?

Confindustria Toscana è stanca di attendere sulle infrastrutture. E dopo aver vanamente sollecitato negli ultimi mesi il ministro Danilo Toninelli, adesso gli industriali chiedono un'interlocuzione diretta col presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Le priorità che intendono sottoporre al capo dell'esecutivo si articolano in cinque macro-aree: la Tirrenica, la Due Mari, l'aeroporto di Firenze e in generale il sistema aeroportuale toscano, i porti, il sistema ferroviario a partire dalla risoluzione del nodo del sottoattraversamento fiorentino dell'Alta velocità. 

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha spiegato le ragioni del «sì» che il governo, entro il 26 luglio, dovrà mettere per scritto in una lettera all'Unione europea: costa di più non farla che farla e solo il Parlamento può decidere di fermare tutto. Affermazione a denti stretti, forse, ma chiara. Ma i No Tav sono già sul piede di guerra.