Internet

Ultimi contenuti per il percorso 'Internet'

Papa Francesco ha aperto il suo account su Instagram, il social network su cui si possono condividere foto ed immagini. Il nome dell’account papale è “Franciscus” e le riproduzioni sono quelle del Servizio fotografico dell’Osservatore Romano. Lanciando un tweet, il Pontefice ha annunciato di iniziare così “un nuovo cammino”, per percorrere “la via della misericordia e della tenerezza di Dio”.

Dopo l’apprezzata esperienza dell’account Twitter @Pontifex, con oltre 25 milioni di seguaci in nove lingue, viene avviata una nuova forma di presenza social. A dare il via alla nuova esperienza è lo stesso Pontefice. La prima foto: Papa Francesco con il pastorale. Monsignor Dario Edoardo Viganò, prefetto della Segreteria per la comunicazione della Santa Sede, spiega il perché di questa scelta.

Presentato il Report 2015 di Meter. Oltre un milione le foto e 76.200 i video segnalati, quasi 10mila i siti denunciati, 700mila i minori coinvolti, anche neonati. Il buco nero del deep web e la denuncia di don Fortunato Di Noto: contro pedofilia e pedopornografia si sta facendo ancora poco. Un appello ai genitori e un decalogo per i ragazzi.

«Toys R Us» nel Regno Unito, per esempio, ha varato un provvedimento interno per eliminare le barriere di genere nella esposizione di giocattoli. Che siano destinati alle bambine o ai bambini, i giochi sono proposti in spazi comuni, senza soluzione di continuità. Anche gli sviluppatori di applicazioni procedono in questa direzione: il caso di «Toca Hair Salon» e «Tinybop».

Secondo un articolo apparso su «New Republic», Instagram è dedicato alle tendenze di moda e alla ricchezza; Vine è lo strumento social di attori, ballerini e comici; Facebook è un posto dove è impossibile nascondere la propria identità. «Il posto più amato dagli adolescenti è quindi un altro. Si tratta di Tumblr, la rete social più cool per gli adolescenti di tutto il mondo».

Dal narcisismo di «Uomini e Donne» al cortocircuito sessuale di Tinder, passando per Instagram, Facebook e le tante chat, l’amore è stuprato impietosamente.  Nel complesso, la maggior parte delle consultazioni psichiatriche e psicologiche riguardano drammi d’amore, problemi relazionali, nuove solitudini e bisogni insoddisfatti di amore.