Lavoro

Ultimi contenuti per il percorso 'Lavoro'

In occasione della Festa della Toscana, il Comune di Figline e Incisa Valdarno portano in scena uno spettacolo teatrale sul ‘caso’ Bekaert:«318: Better Together», con richiamo al claim della multinazionale belga che nel 2016 assorbì lo stabilimento Pirelli di Figline, specializzato in steel cord, per poi annunciarne la chiusura nell’estate 2018 ai suoi 318 dipendenti. 

«Non vogliamo che continui un'industria che porta morte e distruzione». Mons. Filippo Santoro, arcivescovo di Taranto e presidente del Comitato scientifico e organizzatore delle Settimane sociali dei cattolici italiani, ha usato toni netti nel rispondere alle domande dei giornalisti sul futuro dell'ex Ilva, durante la presentazione dei Lineamenta della Settimana sociale, in programma a Taranto nel 2021

«Siamo dentro una rete planetaria di influenze che può veicolare speranza o distruzione in ragione della prospettiva che si assume». È quanto si legge nei Lineamenta della prossima Settimana sociale dei cattolici italiani, in programma a Taranto dal 4 al 7 febbraio 2021 sul tema: «Il pianeta che speriamo. Ambiente, lavoro, futuro. #tutto è connesso». 

«Chi sta mentendo a 220 padri di famiglia, l'azienda o il ministero?». è la domanda posta dal segretario della Fim-Cisl Toscana, Alessandro Beccastrini, all'uscita dall'incontro, organizzato nella sede di Confindustria Firenze, tra Bekaert e sindacati sulla procedura di mobilità aperta per i lavoratori dello stabilimento di Figline Valdarno. 

Continua l'agitazione delle addette alla pulizia e alla sorveglianza degli appalti nelle scuole. Il nodo riguarda il ritorno nel sistema pubblico, da interni, del personale fin qui legato al mondo degli appalti e che, nelle intenzioni del governo, dovrebbe avvenire per decreto dal primo gennaio. 

(Bruxelles) Le autorità di bilancio dell'Unione europea - ossia Parlamento e Consiglio -, supportate dalla Commissione, hanno concordato nella notte il bilancio comunitario per il 2020. Due le cifre di riferimento: 168,69 miliardi di euro in impegni (cioè le cifre che possono figurare nei contratti nel corso di un anno) e 153,57 miliardi di euro in crediti di pagamento (gli importi che possono essere effettivamente erogati in 12 mesi).