Lavoro

Ultimi contenuti per il percorso 'Lavoro'

Presentato anche a Firenze il Dossier statistico immigrazione, curato da Caritas e Migrantes. Tra i dati più significativi della Toscana il «sorpasso» di chi ha ottenuto un permesso di soggiorno di durata illimitata su quelli con permesso temporaneo. Altro segnale di «stabilizzazione» è il crescente numero di alunni stranieri specie nelle scuole dell’infanzia dove sono ormai uno su cinque. La vera sorpresa è il +19,9% di lavoratori assicurati all’Inps.

A soffrire sono tante piccole e medie realtà distribuite su tutto il territorio, che rappresentano gran parte del tessuto economico regionale: 8.950 aziende sotto i 15 dipendenti che hanno fatto ricorso alla cassa integrazione in deroga. Sono oltre 445mila i disoccupati o sottoccupati in cerca di un impiego in Toscana, di cui poco più di 183 mila donne

In una realtà che si presenta spesso frammentata e sofferente, in continua tensione tra interessi locali e continentali, tra rigore e sviluppo, tra persona e società, la terza edizione di LoppianoLab – dal 20 al 23 settembre nella cittadella toscana dei Focolari – ha offerto motivi di speranza ai tanti partecipanti e a quanti hanno seguito l’evento attraverso le notizie e le dirette trasmesse via internet in ogni parte del globo.

Si scrive razionalizzare, sempre più spesso vuol dire tagliare: sembra essere questo il destino dei 174 uffici postali toscani a rischio chiusura perché ritenuti improduttivi o addirittura «antieconomici».

«Lavoro, impresa e legalità: educare all’impegno politico e sindacale». Durante il primo giorno di Terra Futura, «mostra-convegno» fiorentina, si è svolto un’incontro voluto dalla Cisl e che si inserisce nel cammino dei cattolici toscani verso la loro prima settimana sociale.

Nel 2010 il tasso di disoccupazione giovanile in Italia è stato pari al 27,8%, in aumento di 2,4 punti percentuali rispetto al 2009. Si tratta, dice l’Istat, «del valore più alto dell’ultimo decennio». Nel 2001, infatti, era del 23,1%. A dicembre, secondo i dati Istat, il tasso di disoccupazione sale all’8,9% con un aumento di 0,1 punti percentuali rispetto a novembre e di 0,8 punti rispetto all’anno precedente. L’Istat rileva che a dicembre gli occupati sono 22.903 mila, un livello sostanzialmente invariato rispetto a novembre, in presenza di un calo della componente maschile e di una crescita di quella femminile.