Lavoro

Ultimi contenuti per il percorso 'Lavoro'

Convocare entro la prossima settimana il tavolo ministeriale sulla vertenza Bekaert. E’ questa la richiesta avanzata unitariamente dal presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, dal sindaco della Città Metropolitana di Firenze Dario Nardella e dalla sindaca di Figline-Incisa Valdarno Giulia Mugnai al ministro dello sviluppo economico Stefano Patuanelli e alla sottosegretaria Alessia Morani.

Una crisi, quella causata dall’emergenza sanitaria, che si è inserita in una situazione già di per sé precaria ed indebolita dalla crisi 2008. Creando, a valle, impoverimento e aumento delle disuguaglianze, e a monte, una contrazione della capacità produttiva. Insomma un’economia per la quale il termine ‘ricostruzione’ appare quello più appropriato, da perseguire con un importante piano di investimenti e riforme e con un ruolo da protagonista affidato al soggetto pubblico. Questo, in estrema sintesi, il quadro poco confortante che emerge dal rapporto Irpet (curato da Stefano Casini Benvenuti, Leonardo Ghezzi e Nicola Sciclone) ‘La situazione economica, il lavoro e le disuguaglianze in Toscana ai tempi del Covid’, presentato stamattina in modalità webinar.

Le preoccupazioni per un autunno caldo in cui potrebbero esplodere le conseguenze economiche e sociali della crisi sono «reali e giustificate» e per questo il piano von der Leyen deve essere «approvato al più presto» con «coraggio» e «responsabilità». Paolo Gentiloni, già ministro degli Esteri e presidente del Consiglio, oggi Commissario europeo all’Economia, non nasconde i timori per una situazione che vede l’Europa in una profonda recessione. 

I luoghi di lavoro, soprattutto quelli riguardanti il comparto produttivo, sono caratterizzati dalla costante presenza di sporco, causata dalle  attività svolte al suo interno. Basti pensare a qualsiasi industria, dove vengono prodotti una grande quantità di rifiuti e sporcizia, tali da rendere difficoltose le mansioni lavorative, nonché poco sicure.

Lavoro, dignità, ambiente, settimane sociali: quasi tutte le criticità si sono acuite con l’emergenza Covid-19 e la crisi morde persone e territori. Ne parla mons. Filippo Santoro, arcivescovo di Taranto e presidente della Commissione Cei per i problemi sociali e il lavoro: “Le risposte devono arrivare su tutti i piani, nazionali e territoriali. Questo è un momento privilegiato, in cui la pandemia ci ha provocato profondamente e fatto comprendere la necessità di una conversione culturale"

Nel nostro Paese sono oltre 5,3 milioni le partita IVA, una quota considerevole che rappresenta più del 23% degli occupati in Italia. In questo momento però molti liberi professionisti non se la stanno passando bene, con la caduta del reddito medio sceso di circa 7 mila euro in 10 anni secondo le rilevazioni di Confcommercio.

Un nuovo stabilimento in Toscana? «Una scelta di cuore». L’investimento in un’azienda americana? «Un sogno che si realizza dopo trenta anni». A sentirli parlare sembra che le emozioni guidino le scelte di Lucia e Alberto Giovanni Aleotti anche se sono azionisti e membri del Board di Menarini. Ma fin da subito rivendicano il fatto che la loro azienda farmaceutica è fatta «di uomini e di donne». E il concetto non è in contrasto con l’idea di industria. 

Nell’ambito dei finanziamenti definiti dai Decreti Legge Cura Italia e Liquidità (entrambi convertiti in legge), le BCC del Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea che operano in Toscana, alla data del 12 giugno scorso, hanno erogato a favore dei propri clienti (in prevalenza PMI del territorio regionale) 108 milioni di euro, corrispondenti al 62% delle richieste pervenute.

“Allarme per 800mila occupati nelle costruzioni che fanno segnare un crollo verticale di quasi il 68% su base annua dell’indice della produzione che apre un nuovo fronte per l’economia italiana nella fase 3 dell’emergenza coronavirus”. È quanto emerge da un’analisi dell’Unione europea delle cooperative (Uecoop) in riferimento ai dati diffusi oggi dall’Istat che, ad aprile 2020 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, per il mattone registrano il peggior risultato di sempre