Lavoro

Ultimi contenuti per il percorso 'Lavoro'

Nel rapporto «Il mercato del lavoro 2018. Verso una lettura integrata» diffuso oggi da ministero del Lavoro e delle politiche sociali, Istat, Inps, Inail e Anpal la sostanziale tenuta del mercato del lavoro con il massimo storico per dipendenti e precari. Buono l'impatto occupazionale dell'esonero triennale varato nel 2015 dal governo Renzi. Allarme per gli incidenti sul lavoro.

Ancora pochi iscritti ai corsi di formazione in Toscana. E la Regione cerca di porre rimedio a questa situazione sottoscrivendo un protocollo di intesa con le imprese. La Giunta regionale e le associazioni di categoria si impegnano a realizzare workshop alle imprese, focus tematici e a divulgare le opportunità educative legate a Industria 4.0.

Nel 2017 i pensionati in Italia erano 16 milioni (-23mila rispetto al 2016, -738mila rispetto al 2008) e hanno percepito in media un reddito pensionistico lordo di 17.886 euro (+306 euro sull'anno precedente). Le donne sono il 52,5% e ricevono in media importi annui di quasi 6mila euro più bassi di quelli degli uomini.

«Risposte chiare a chi nel quotidiano lavora e opera nella produzione di olio extravergine di oliva e latte di pecora». È il grido di rabbia lanciato oggi alla protesta «Salva made in Italy» organizzata dalla Coldiretti in piazza Montecitorio. Davanti al Parlamento gli agricoltori colpiti dalle pesanti calamità con il dimezzamento del raccolto nazionale di olio di oliva e i pastori messi in ginocchio dalle speculazioni sulle quotazioni del latte. 

«Continuano a peggiorare le attese sulla situazione economica del Paese». Lo comunica oggi l'Istat nella sua «Nota mensile sull'andamento dell'economia italiana» evidenziando che «l'indicatore anticipatore ha registrato una marcata flessione prospettando serie difficoltà di tenuta dei livelli di attività economica».

Aumenta rispetto al 2018 la quota di cittadini che esprimono fiducia nei confronti delle istituzioni, triplicando il dato di due anni fa (20,8% contro il 13% del 2018 e il 7,7% del 2017). Un andamento trainato dalle risposte dei 18-24 enni (32%). Parallelamente, diminuiscono gli sfiduciati, passando dal 34,4% al 29,4%. È quanto emerge dal sondaggio realizzato dall’Eurispes per il 31° Rapporto Italia.