Mafia

Ultimi contenuti per il percorso 'Mafia'

Sesti in Italia per numero di ecoreati, la Toscana corre ai ripari pensando ad un database unico per il rilascio delle autorizzazioni ambientali per applicare in maniera più incisiva le leggi e contrastare la criminalità organizzata. Se ne è parlato oggi in un seminario organizzato da Anci Toscana insieme a Legambiente e alla Regione. 

Libera ha reso noto i risultati di un sondaggio effettuato in Toscana per l’iniziativa Liberaidee. Cinque intervistati su dieci ritengono molto o abbastanza diffusa la corruzione a livello regionale. Due su dieci dichiara di conoscere o di aver conosciuto in passato qualcuno che ha ricevuto o offerto tangenti o altri favori indebiti. Per uno su quattro, non denuncia di fronte a fenomeni corruttivi perché ritengono la corruzione un fatto normale.

Una settimana in viaggio per la Toscana per affrontare i temi più caldi dell'attualità legati ai rischi della presenza delle mafie. È «Liberaidee», un'iniziativa dell'associazione Libera Toscana, che è iniziata lunedì 22 ottobre e ogni giorno tocca una località diversa proponendo incontri e dibattiti con giornalisti, associazioni, sindacati e istituzioni.

«Pensare che esistano luoghi nel nostro Paese in cui la mafia è completamente estranea credo che sia un'illusione che ormai nessuno più coltiva davvero. La famosa ‘linea della palma' si è molto alzata». Lo ha affermato il presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione (Anac), Raffaele Cantone, oggi a Genova dove nel pomeriggio incontrerà il sindaco Marco Bucci, commissario straordinario per la ricostruzione.

Il Consiglio dei ministri ha recentemente approvato il decreto sicurezza e immigrazione, fortemente voluto dal ministro dell’interno, Matteo Salvini, segretario della Lega. Tralascio un commento alle disposizioni sull’immigrazione e sull’asilo, che tante polemiche hanno suscitato anche da parte della Chiesa cattolica, e vediamo se le nuove norme e gli inasprimenti previsti saranno utili per la tutela migliore della sicurezza.