Settimanale

Ultimi contenuti per il percorso 'Settimanale'

Le idee che nascono in Toscana non evaporano, ma si radicano e scorrono con tenacia come «l'Arno». «Toscana Oggi», con i suoi 25 anni, ne è una chiara e lampante conferma. Non possiamo che lodare e ringraziare tutti coloro che si sono imbarcati personalmente in questa avventura, destinata senza dubbio, a lasciare il segno. Senza «Toscana Oggi» lo specifico della cattolicità toscana resterebbe come sepolta e la Chiesa italiana resterebbe impoverita.

Pubblichiamo la trascrizione (non rivista dall'autore) dell'intervento di saluto del presidente della Giunta regionale Toscana, Claudio Martini, al Convegno per i 25 anni di Toscanaoggi e i 20 dlel'agenzia Sir, tenutosi a Prato, nella Sala del Consiglio comunale, il 9 gennaio 2009.

Duplice anniversario all'insegna dell'attenzione al territorio: i 25 anni del settimanale Toscana Oggi e i 20 dell'Agenzia Sir. Attorno a questa peculiarità dei due organi d'informazione si è svolto, il 9 gennaio a Prato, il convegno “Informazione e territorio: a misura di regione”.

Venerdì 9 gennaio, a Prato, è in programma un convegno per celebrare i 25 anni del settimanale Toscanaoggi (Il 18 dicembre del 1983 usciva il primo numero) e i 20 anni dell'Agenzia Sir. L'appuntamento è per le 16,30 nella Sala del Consiglio comunale di Prato per una tavola rotonda su «Informazione e territorio: a misura di regione». Alle 21,15 al Teatro Politeama Pratese il momento di festa vero e proprio con il concerto-spettacolo di Riccardo Marasco (a ingresso gratuito), «La Toscana di ieri per…Toscana Oggi», offerto a tutti i lettori e alla città di Prato.

Il 18 dicembre del 1983 usciva il primo numero di Toscana Oggi: il settimanale compie quindi 25 anni e li compie, direi, in buona salute.Se diamo uno sguardo anche rapido a questa che per tanti aspetti fu un'avventura, ci appare chiaro che tutto partiva da una scommessa, che allora parve a molti utopica: dare alle nostre Chiese e alla nostra regione un giornale che fosse voce unitaria della realtà cattolica.
DI ALBERTO MIGONE