Minori

Ultimi contenuti per il percorso 'Minori'

Protocolli d'intesa con diversi campi d’intervento: dalla prevenzione dei fattori di rischio per le famiglie più vulnerabili e dei fenomeni di disagio adolescenziale, alla promozione di iniziative congiunte d’informazione e aggiornamento della comunità di operatori, dallo sviluppo del sistema informativo regionale per l’accoglienza dei minori in comunità, all’utilizzo coordinato ed integrato del patrimonio conoscitivo sulla condizione dei bambini, dei ragazzi e delle famiglie

Stanchi, incerti, ansiosi e disorientati, gli adolescenti stanno affrontando le conseguenze negative della pandemia che ha condizionato la loro formazione e la loro crescita. Per sostenerli in questo momento difficile Fondazione CR Firenze lancia il bando “Doposcuola – Competenze, creatività, comunità” per il quale mette a disposizione 350 mila euro di risorse. 

82.813 euro: è questa la cifra raccolta dall’onlus “Aiuto Bambini Betlemme” durante l’ultima campagna solidale di Natale 2020. Nata per sostenere e promuovere l’opera del Caritas Baby Hospital di Betlemme, l’unico ospedale specializzato pediatrico della Palestina, l’onlus aveva lanciato una raccolta fondi dedicata al “Progetto accogli una vita” per il rinnovo delle attrezzature usurate del reparto di neonatologia. 

Sono i numeri più alti dall’inizio del conflitto. In ginocchio milioni di famiglie. In aumento i casi di lavoro minorile e il rischio di matrimonio precoce per le ragazze. Save the Children lancia un appello alla comunità internazionale perché venga garantita la disponibilità immediata di alimenti sicuri e nutrienti e chiede l’accesso umanitario illimitato

La commissione Sanità del Consiglio regionale della Toscana, presieduta da Enrico Sostegni (Pd), ha approvato all’unanimità il piano per una “indagine conoscitiva sul sistema regionale di accreditamento, convenzionamento e sul sistema dei controlli delle strutture per l’accoglienza di minori e famiglie in difficoltà in Toscana”. 

Nel 2020, più di 840 strutture sono state demolite o sequestrate dalle autorità israeliane in Cisgiordania, costringendo almeno 518 bambini e le loro famiglie a lasciare le loro case. La denuncia viene da Save the Children che parla del trascorso anno come del “peggiore dal 2016” per i minori palestinesi sfollati in Cisgiordania.