Mondo

Ultimi contenuti per il percorso 'Mondo'

“Non solo tutti i bambini godono di diritti, ma devono essere continuamente salvaguardati. Una tutela che costituisce da quasi mezzo secolo la preoccupazione della Fism, la Federazione italiana scuole materne, che coinvolge circa 9.000 scuole paritarie no profit e servizi educativi accreditati, mezzo milione di bambine e bambini oltre 40mila dipendenti”.

Un pensiero e una preghiera “per tutti i bambini nati prima del termine della gravidanza e per le loro famiglie, che si trovano ad affrontare questa situazione così delicata: a loro vogliamo offrire particolare attenzione e cura in occasione di questa Giornata mondiale a loro dedicata”.

Anche la Colombia è nella morsa del maltempo e dei cicloni tropicali, a cominciare dal più recente, l’uragano Iota, classificato a forza 4, che ha lambito le coste caraibiche, ma ha, soprattutto, investito in pieno le isole di San Andrés e Providencia, che si trovano di fronte al Nicaragua ma sono territorio colombiano.

Una “missione” come risposta alla pandemia. Anzi, una “mega-missione”, in una metropoli dove tutto è “mega”: Città del Messico. Parliamo, infatti, di una delle più grandi città del mondo, probabilmente quella con il più alto numero di cattolici, anche se la popolazione dell’arcidiocesi è scesa considerevolmente un anno fa dopo la creazione delle tre diocesi suffraganee di Azcapotzalco, Ztapalapa e Xochimilco.

Al termine della preghiera dell’Angelus, il Papa rivolge il suo pensiero a quanto accade in Etiopia, esortando al dialogo e "a respingere la tentazione dello scontro armato". Per la Libia auspica la fine delle sofferenze della popolazione e il rispetto del cessate il fuoco permanente

Joe Biden, 77 anni, sarà il presidente più anziano nella storia degli Usa e il secondo cattolico dopo John Fitzgerald Kennedy. “Sono onorato che gli americani mi abbiano scelto come loro presidente. Il lavoro davanti a noi sarà difficile ma vi prometto questo: sarò il presidente di tutti gli americani”: questa la sua prima dichiarazione, decisamente tesa a stemperare i toni di fronte a un paese letteralmente spaccato in due.

“Nessuna vera libertà senza rispetto e senza fraternità”. Si intitola così la nota pubblicata oggi dai vescovi francesi sugli attacchi islamici che hanno insanguinato la Francia negli ultimi giorni, da quello contro un insegnante a Conflans-Sainte-Honorine all’attentato alla basilica di Nizza il 29 ottobre scorso che ha provocato la morte di tre fedeli cattolici.