Sud Sudan

Ultimi contenuti per il percorso 'Sud Sudan'

A 7 anni dall'indipendenza la vita di milioni di persone dipende esclusivamente dagli aiuti umanitari, l'inflazione è in costante aumento, le infrastrutture distrutte, l'economia in ginocchio. Caritas italiana continua a sostenere la popolazione con un nuovo e articolato programma in Sud Sudan e in Uganda, in collaborazione con le Caritas locali e con l'organizzazione Medici con l'Africa Cuamm.

Nel tradizionale messaggio pasquale «Urbi et Orbi» Papa Francesco ha invocato frutti di speranza e di pace nella storia segnata da ingiustizie e violenze: nella martoriata Siria, in Terra Santa, in Sud Sudan, in Ucraina, in Venezuela. Ha incoraggiato il dialogo tra le due Coree ed ha ricordato tutti i bambini del mondo colpiti da guerre e fame.

Si celebrerà il 23 febbraio, primo venerdì di Quaresima, una Giornata di preghiera e digiuno per la pace, in particolare per il Sud Sudan e la Repubblica Democratica del Congo.  L’iniziativa è stata lanciata da Papa Francesco durante l’Angelus di domenica 4 febbraio.Dal Consiglio mondiale delle Chiese alla Comunione anglicana, ai musulmani della Coreis in Italia tante le risposte positive.

«In Sud Sudan si sta consumando una tragedia che colpisce oltre la metà dei bambini – vittime di malnutrizione, malattie, reclutamento forzato, violenza e l’impossibilità di poter ricevere un’istruzione». È quanto denuncia l’Unicef lanciando oggi il nuovo rapporto «Childhood under attack» («Infanzia sotto attacco»). 

Il mondo ha bisogno di “artigiani di pace”, capaci di “combattere il male col bene, con gesti e parole di fraternità, di rispetto, di incontro, di solidarietà”. Nella Basilica di San Pietro, Papa Francesco ha presieduto una celebrazione di preghiera per la pace in Sud Sudan e nella Repubblica Democratica del Congo. Un incontro per gettare semi di speranza in “ogni terra ferita dalla guerra”, certi che la preghiera è la risorsa più potente, perché “opera con la forza di Dio, al quale nulla è impossibile”.

«Stasera, con la preghiera, vogliamo gettare semi di pace nella terra del Sud Sudan e della Repubblica Democratica del Congo, e in ogni terra ferita dalla guerra». Con queste parole il Papa ha cominciato l’omelia della celebrazione di preghiera per la pace in Sud Sudan e nella Repubblica democratica del Congo, svoltasi questo pomeriggio nella basilica di S. Pietro. 

«Giovedì 23 novembre 2017, alle ore 17.30, presso l’Altare della Cattedra nella Basilica Vaticana, il Santo Padre Francesco presiederà una celebrazione di preghiera per la pace in Sud Sudan e nella Repubblica Democratica del Congo. La celebrazione è aperta a tutti, senza bisogno di biglietti». Ne dà notizia la Prefettura della Casa Pontificia con una nota diffusa oggi dalla sala stampa vaticana.