Paraguay

Ultimi contenuti per il percorso 'Paraguay'

«Assurdi incendi» nell’ambito di «criminose depredazioni in corso in Amazzonia». Così la presidenza della Conferenza dei vescovi del Brasile (Cnbb) prende posizione sui fuochi che stanno uccidendo vastissime zone della foresta, in una nota diffusa ieri, intitolata «Alzare la voce per l’Amazzonia».

Sono stati approvati 69 progetti, per i quali saranno stanziati 12.479.477 euro così suddivisi: 5.487.581 euro per 27 progetti in Africa, 3.516.030 euro per 23 progetti in America Latina; 3.457.866 euro per 18 progetti in Asia; 18.000 euro per un progetto nell'Europa dell'Est. Questi i dati relativi alla riunione del Comitato per gli interventi caritativi a favore del terzo mondo della Cei, che si è svolta venerdì 24 e sabato 25 maggio, a Roma, e resi noti oggi.

(dall’inviato Sir a Carpi) – Il ricordo della «tragedia che ha colpito la Colombia», un appello per la pace nella Repubblica democratica del Congo, l’invito a cercare «soluzioni politiche» in Venezuela e Paraguay. Questo lo sguardo internazionale rivolto da Papa Francesco ieri prima della preghiera dell’Angelus in piazza Martiri, a Carpi, dove si trovava in visita pastorale.

Sono profondamente addolorato per la tragedia che ha colpito la Colombia, dove una gigantesca valanga di fango, causata da piogge torrenziali ha investito la città di Mocoa, provocando numerosi morti e feriti. Prego per le vittime e assicuro la mia e vostra vicinanza a quanti piangono la scomparsa dei propri cari, e ringrazio tutti coloro che si stanno adoperando per prestare soccorso.
Anche, non buone notizie continuano a giungere (notizie) di sanguinosi scontri armati nella regione del Kasai della Repubblica Democratica del Congo, scontri che stanno provocando vittime e sfollamenti e che colpiscono anche persone e proprietà della Chiesa: chiese, ospedali, scuole ... 

Il processo di pace in Colombia, la bellezza e la ricchezza della Chiesa in America Latina, la crisi in Grecia. In un'ora di colloquio con i giornalisti, in volo tra Asuncion e Roma, Papa Francesco ha risposto a quattordici domande, spaziando in diversi ambiti. Parlando della situazione in cui riversa Atene, il Pontefice ha sottolineato che parte della responsabilità è dei passati governi, auspicando - allo stesso tempo - una reale soluzione del problema e un processo di controllo anche per gli altri paesi a rischio. "La Chiesa in America Latina - ha detto poi - è giovane e con una certa freschezza e può offrire tanto a tutti noi".

Una distesa di giovani in festa, sparsi per due chilometri sul lungofiume Costanera. L'ultimo appuntamento di Papa Francesco in Paraguay - prima di far ritorno in Vaticano - è stato con il futuro e la speranza dell'umanità. A questi "giovani coraggiosi" il Pontefice ha dato alcune preziose indicazioni per il domani, come un padre premuroso e sollecito. Nella vita, infatti, ciascuno deve scegliere con quale squadra scendere in campo: con Gesù, che non "presenta una vita da stelle, da celebrità, ma al contrario ci dice che giocare con Lui è un invito all’umiltà, all’amore, al servizio verso il prossimo"; oppure con il diavolo, "un venditore di fumo", la cui strategia è quella della "divisione, del competere con gli altri, dello schiacciare il prossimo".

Tanti i temi toccati dal Papa nel consueto incontro con i giornalisti sul volo che lo riportava a Roma dal Paraguay. Scherza sulla «coca» e riconosce di aver trascurato la classe media. Ma difende i suoi duri giudizi sull'economia di mercato alla luce della Dottrina sociale della Chiesa (testo integrale della conferenza stampa).