Filippine

Ultimi contenuti per il percorso 'Filippine'

La Regione Toscana stanzierà 50 mila euro per gli interventi di prima urgenza in soccorso della popolazione delle Filippine. La decisione, che verrà formalizzata nella giunta di giovedì prossimo, è stata annunciata oggi dal presidente della Regione, Enrico Rossi, che ha ricevuto una delegazione della comunità filippina di Firenze guidata dal console Fabio Fanfani.

Il bilancio delle vittime del tifone Haiyan nelle Filippine potrebbe superare la cifra di 10 mila morti. Lo hanno riferito le autorità locali. La stima arriva man mano che i soccorritori arrivano nei luoghi colpiti dal disastro, dove i sopravvissuti, riferiscono i media locali, «si muovono come zombie». Il Papa all'Angelus ha invitato a pregare per le vittime. La Cei ha stanziato 3 milioni di euro per gli aiuti e la Caritas italiana ha lanciato una sottoscrizione.

Oggi all'Angelus il Papa ha detto: «Desidero assicurare la mia vicinanza alle popolazioni delle Filippine e di quella regione, che sono state colpite da un tremendo tifone. Purtroppo le vittime sono molte e i danni enormi. Preghiamo un attimo in silenzio e poi la Madonna, per questi nostri fratelli e sorelle, e cerchiamo di far giungere ad essi anche il nostro aiuto concreto». Ha anche ricordato le vittime della Shoah

Oltre 200mila sfollati e circa 200 morti: è questo il bilancio a tre settimane dall'inizio degli scontri tra i ribelli islamici del Fronte nazionale di liberazione Moro (Mnlf) e l'esercito governativo a Zamboanga, la città nell'isola filippina di Mindanao. A lanciare un appello per l'assistenza umanitaria degli sfollati è oggi Nassa (National secretariat for social action), ossia l'organizzazione che fa capo alla Conferenza episcopale filippina, equivalente alla Caritas.

I vescovi di Mindanao, l'isola al sud delle Filippine, dove è in corso da una settimana una recrudescenza del conflitto tra esercito e ribelli islamici, hanno lanciato sabato un nuovo appello alle forze governative e ai ribelli perché «facciano passi in avanti nel dialogo per trovare una soluzione pacifica al conflitto».