Terrasanta

Ultimi contenuti per il percorso 'Terrasanta'

“Non c’è alternativa al dialogo se si vuole costruire una prospettiva di convivenza reale e di pace”. Lo ha detto al Sir padre Francesco Patton, che oggi Papa Francesco ha confermato, per i prossimi tre anni (2022-2025), a Custode di Terra Santa e Guardiano del Monte Sion, dopo l’elezione avvenuta da parte del Definitorio Generale dell’Ordine dei Frati Minori Francescani.

“Il cammino della fede di ogni cristiano inizia al sepolcro vuoto, lì dove torniamo a vedere il luogo dove Gesù è stato sepolto, ma anche dove le donne e i discepoli scoprono che il suo corpo non è più. Gesù non è più nella morte”. A ricordarlo nella sua meditazione al Vangelo della Domenica (la Seconda di Pasqua, 24 aprile) è il patriarca latino di Gerusalemme, mons. Pierbattista Pizzaballa. 

Questo fine settimana, per la prima volta in circa due anni, un gruppo di pellegrini sarà ospite dell’Ospizio austriaco di Gerusalemme: si tratta di un gruppo di circa 30 persone provenienti dal Tirolo. Negli ultimi due anni, a causa della pandemia, la più antica pensione cristiana di Gerusalemme non ha avuto ospiti ma solo spese di mantenimento. 

“La pace è possibile solo attraverso l’educazione, e l’esperienza concreta della convivenza. Stereotipi e pregiudizi non vengono superati dall’esortazione ma dalla mescolanza di persone di culture, lingue e origini diverse che, vivendo insieme, si rendono conto che l’altro non è poi così diverso per dignità, sogni, speranze di futuro”: è quanto afferma padre Francesco Patton, custode di Terra Santa, in una intervista concessa a Pax Christi Francia, in occasione della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani che a Gerusalemme si celebra quest’anno dal 22 al 30 gennaio. 

“Da Gerusalemme e da Betlemme, dove a breve avranno inizio le celebrazioni per il Natale, voglio inviare a tutti voi, ai vostri bambini, alle vostre famiglie, alle vostre comunità i migliori auguri di Buon Natale e di un felice anno nuovo". Inizia così il videomessaggio di auguri natalizi del patriarca latino di Gerusalemme, Pierbattista Pizzaballa