Thailandia

Ultimi contenuti per il percorso 'Thailandia'

Udienza generale in due tempi, oggi, con il saluto ai malati e disabili in Aula Paolo VI e poi catechesi in piazza San Pietro, flagellata dalla pioggia. Commentando il brano degli Atti con Aquila e Priscilla, ha parlato delle persecuzioni contro i cristiani, mai cessate, ma anche di quella che sta riemergendo contro gli ebrei.

«L'urgente necessità di essere attenti ai più poveri dei nostri cittadini è un chiaro dovere, che si esprime in modo eloquente quando, nel rispetto delle legittime diversità, ci uniamo nel promuovere il loro sviluppo umano integrale. Questa unione ha un nome concreto: fraternità!». Lo ha detto il Papa, ricevendo oggi in udienza, nella Sala Clementina, gli ambasciatori di Thailandia, Norvegia, Nuova Zelanda, Sierra Leone, Guinea, Guinea Bissau, Lussemburgo, Mozambico ed Etiopia in occasione della presentazione delle lettere credenziali.

All'asta i dipinti della mostra dedicata all'incoronazione della Madonna del Sole. Saranno battuti all'asta venerdì 31 agosto, alle ore 21.00 nella Sala Annunziata del Chiostro di S. Agostino (Pietrasanta - Lu), i 65 dipinti della bella collettiva visitabile ancora oggi nell'atrio di Palazzo Municipale (dalle 8.30 alle 13.00. Ingresso Libero).

La speranza comune di soccorritori e di ascoltatori ha messo in moto una catena di umanità. La morte di uno dei soccorritori, rimasto senza ossigeno mentre portava bombole di ossigeno per i ragazzi, ha reso ancora più forte e determinata quella catena di solidarietà. «Ora che lui è morto, dobbiamo mantenere la sua promessa di riportare a casa quei ragazzi».

«È mio vivo desiderio che buddisti e cattolici intensifichino il loro rapporto, progrediscano nella reciproca conoscenza e nella stima delle rispettive tradizioni spirituali, e siano nel mondo testimoni dei valori della giustizia, della pace e della tutela della dignità umana». Lo ha detto il Papa, ricevendo questa mattina, prima dell'udienza generale, nell'auletta dell'Aula Paolo VI, una delegazione buddista dalla Thailandia.

Nell’incontro con sei nuovi ambasciatori presso la Santa Sede, Papa Francesco ha esortato la comunità internazionale a lavorare per la pace e la giustizia sociale.
Lavoriamo insieme incoraggiando le nostre comunità a costruire la pace, promuovere la giustizia sociale e a rispettare la nostra casa comune. E’ stato questo il senso del messaggio che Papa Francesco ha rivolto ai neo-ambasciatori di Estonia, Malawi, Namibia, Seychelles, Tailandia e Zambia che hanno presentato oggi le credenziali presso la Santa Sede.

«Nonostante le nostre nazionalità, culture e confessioni religiose possano essere diverse, siamo uniti dalla comune umanità e dalla condivisa missione di prenderci cura della società e del creato». Lo ha detto Papa Francesco ricevendo questa mattina, nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico, gli ambasciatori di Seychelles, Thailandia, Estonia, Malawi, Zambia e Namibia in occasione della presentazione delle Lettere credenziali.

Gli ineffabili tutori e promotori delle libertà riproduttive di casa nostra tacciono, perché il caso è sgradevole, fastidioso, scomodo. Perché non si può più negare l'evidenza, cioè che l'utero in affitto non è un atto di amore e donazione da parte di donne generose per altre donne senza figli. È un intollerabile contratto firmato col sangue degli innocenti.