Italia

Ultimi contenuti per il percorso 'Italia'

È importante vaccinare i bambini dai 12 anni in su e gli adolescenti perché “anche i bambini senza patologie pregresse sono a rischio di ricovero e forme gravi”. A vaccinarsi dovrebbero essere anche quelli che soffrono di allergie/o di malattie croniche; questi ultimi sono esposti al maggiore rischio di morte. 

Caritas Italiana, con la collaborazione del Dicastero per il Servizio dello sviluppo umano integrale, organizza per domenica 26 settembre un incontro nazionale del progetto Apri (accogliere, proteggere e promuovere, integrare) al fine di creare le migliori condizioni di integrazione per i migranti e rafforzare il loro percorso di autonomia.

Riparte fra timori e speranze la scuola in presenza al 100%. Con una grande novità: l’obbligatorietà del green pass per tutto il personale, il cui mancato rispetto è considerato assenza ingiustificata e, a decorrere dal quinto giorno di assenza, implica la sospensione del rapporto di lavoro e dello stipendio. 

Durante la prima ondata pandemica da Covid-19, i tassi di mortalità hanno avuto andamenti molto diversi tra le varie regioni italiane: la mobilità, i tassi di positività, la disponibilità di assistenza primaria e le dimensioni di potenziali hub di contagio nelle scuole, nei posti di lavoro e negli ospedali sono tra i più forti predittori statistici di tali andamenti.

In Italia ieri risultavano 135.325 positivi per Covid-19, con un decremento di 230 casi dal giorno precedente. Il totale delle persone che hanno contratto il virus è, al 24 agosto, di 4.494.857, con un incremento di 6.076. Questo è quanto emerge dai dati del monitoraggio sanitario sulla diffusione del nuovo coronavirus Covid-19 diffusi ieri e pubblicati sul sito web del ministero della Salute.

“La voglia di ricominciare è stata più grande della paura provocata dal sisma”. Michela D’Alessio non ha dubbi. Sono passati 5 anni da quando le scosse del 24 agosto 2016, e quelle successive di ottobre e gennaio 2017, hanno reso inagibile l’agriturismo di famiglia sito a San Giorgio, piccola frazione di Amatrice, il centro sui monti della Laga, una delle icone del terremoto del Centro Italia.

Rifiuti abbandonati un po’ ovunque in un paesaggio desolato. È quello che resta dopo il rave party abusivo organizzato a Valentano, nel Viterbese, in un parco privato di circa trenta ettari, teatro, per sei giorni di pericolosi assembramenti ed eccessi, dove sono circolati alcol (diversi i casi di coma etilico) e droga e sono stati denunciati stupri.