Italia

Ultimi contenuti per il percorso 'Italia'

Il 10 febbraio è il Giorno del Ricordo, per non dimenticare gli orrori delle foibe dei comunisti di Tito e l'esilio forzato di tanti nostri connazionali dall'Istria. Un figlio di esuli istriani-dalmati ci racconta la storia dei suoi genitori costretti a fuggire da Fiume nel 1949.

Il quadro dell'Italia che emerge dal Raporto Eurispes è quello di un Paese che è incapace di operare, di esprimersi in modo inequivocabile. È il Paese del «ni». Lo afferma il presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, nelle «considerazioni generali» del 31° Rapporto Italia, presentato oggi a Roma.

Aumenta rispetto al 2018 la quota di cittadini che esprimono fiducia nei confronti delle istituzioni, triplicando il dato di due anni fa (20,8% contro il 13% del 2018 e il 7,7% del 2017). Un andamento trainato dalle risposte dei 18-24 enni (32%). Parallelamente, diminuiscono gli sfiduciati, passando dal 34,4% al 29,4%. È quanto emerge dal sondaggio realizzato dall’Eurispes per il 31° Rapporto Italia.

L'Italia si piazza al 53° posto nel mondo nell'Indice di percezione della corruzione 2018 (Cpi) pubblicato oggi da Transparency International. Con un punteggio di 52 (in una scala da 0 - «altamente corrotto» a 100 - «per niente corrotto») e due punti in più rispetto all'anno precedente, spiega una nota, «si conferma il trend in lenta crescita del nostro Paese nella classifica globale e in quella europea, dove ci stiamo gradualmente allontanando dagli ultimi posti».

Nel corso del 2018 le fortune dei super-ricchi sono aumentate del 12%, al ritmo di 2,5 miliardi di dollari al giorno, mentre 3,8 miliardi di persone, che costituiscono la metà più povera dell'umanità, hanno visto decrescere quel che avevano dell'11%. L'anno scorso, da soli, 26 ultramiliardari possedevano l'equivalente ricchezza della metà più povera del pianeta. È quanto denuncia oggi Oxfam diffondendo il nuovo rapporto «Bene pubblico o ricchezza privata?», alla vigilia del meeting annuale del Forum economico mondiale di Davos.

«Nelle settimane recenti, l'economia internazionale ha mostrato evidenti segnali di decelerazione con un maggiore grado di eterogeneità degli andamenti tra i Paesi. Tra i fattori di rallentamento ci sono l'incertezza generata dal processo ancora incompiuto di Brexit e gli effetti delle perduranti tensioni sui dazi tra Stati Uniti e Cina». In questo contesto, per quanto riguarda l'Italia, «il recente andamento del settore manifatturiero conferma la fase di difficoltà di tenuta dei livelli produttivi». Lo scrive l'Istat nella Nota mensile sull'andamento dell'economia italiana.

L'Italia è il Paese Ocse con la più alta percezione di corruzione. Ma è proprio così? Una ricerca di Eurispes, presentata oggi a Roma, mette in evidenza la necessità di costruire indicatori validi ed efficaci per descrivere il fenomeno della corruzione nel nostro paese. Per Raffaele Cantone, la corruzione c'è e grave, ma è minore di quella percepita. La «sindrome del Botswana».

La Federazione delle Chiese evangeliche in Italia (Fcei) ha dato la disponibilità al ministero dell'Interno per l'accoglienza di alcuni dei profughi della Sea-Watch che arriveranno nel nostro Paese. Alcuni andranno a Scicli, in Sicilia, dove la Federazione ha una struttura. Altri saranno collocati in strutture della diaconia valdese. Luca Negro, presidente della Fcei: «Che si tratti di corridoi umanitari o di persone salvate in mare, quello che conta è la vita umana».

Il premier di Malta, Joseph Muscat, ha annunciato che è stato raggiunto un accordo in sede europea per per ripartire i migranti delle navi Sea Watch e Sea Eye da settimane in mare con 49 persone a bordo. I migranti verranno poi redistribuiti tra 8 Paesi Ue, tra cui l'Italia. La portavoce di Sea Watch: contenti per la decisione, ma 20 giorni in mare sono troppi.

Nel suo quarto messaggio di fine anno, in diretta tv dallo studio del Quirinale, Sergio Mattarella ha iniziato con l'invito a «sentirsi «comunità», ovvero condividere valori, prospettive, diritti e doveri, «pensarsi» dentro un futuro comune, da costruire insieme». Ma poi ha toccato i temi caldi, dall'aumento dell'Ires al terzo settore ai tempi compressi dell'approvazione della legge di bilancio.