Assisi

Ultimi contenuti per il percorso 'Assisi'

Una serata di festa, di testimonianza e di annuncio con canti, balli e coinvolgimento dei passanti. Sarà quello che la sera di giovedì 25 luglio offriranno a Grosseto i giovani toscani che parteciperanno alla 39^ Marcia Francescana, che quest'anno parte, appunto, dal capoluogo maremmano per concludersi, come ogni anno, il 2 agosto, festa del Perdono, ad Assisi.

Si è aperta stamani alla Domus Pacis di Santa Maria degli Angeli ad Assisi, la 56 ͣ sessione di formazione ecumenica del Segretariato attività ecumeniche (Sae), che ha per tema «Le Chiese di fronte alla ricchezza, alla povertà e ai beni della terra». Il messaggio di mons. Ambrogio Spreafico a nome della Cei e l'intervento del presidente del Sae.

L'ormai ben avviato il lavoro di preparazione che il tavolo dei delegati delle Diocesi della Toscana e delle componenti della famiglia francescana stanno portando avanti, col coordinamento dei vescovi Cetoloni (Grosseto) e Roncari (Pitigliano-Sovana-Orbetello), per preparare il cammino che porterà la Toscana ad offrire l’olio per la lampada votiva a San Francesco, i prossimi 3 e 4 ottobre.

«Sua Maestà è dedita alla promozione dei diritti umani e dell'armonia interreligiosa, si adopera per la riforma dell'istruzione e per la tutela della libertà di culto, ed è impegnata strenuamente per offrire un rifugio sicuro a milioni di profughi. Grazie Maestà! Grazie Giordania!». Così il custode del Sacro Convento di Assisi, padre Mauro Gambetti, si è rivolto al re Abdullah II di Giordania all'inizio della cerimonia di consegna della Lampada della pace.

Uno scandalo, un paradosso: nella società dell’avere e del consumare, la testimonianza di San Francesco risulta radicalmente inattuale. Come possono, lui e l’Occidente moderno, intendersi? Eppure la sua presenza storica, religiosa e culturale è imponente. L’offerta dell’olio da parte delle regioni italiane (nel 2019 tocca alla Toscana) ribadisce il senso civile della memoria comunitaria nei confronti di colui che ha rinnovato la vita spirituale e devozionale d’Italia. 

Il comunicato finale sui lavori della Conferenza episcopale toscana riunita all'Eremo di Lecceto lo scorso lunedì 28 gennaio. Si muovono i primi passi per organizzare l’omaggio alla tomba del Patrono d’Italia, che si svolgerà in ottobre. I Vescovi toscani si uniscono all’invito della Cei per una purificazione dei linguaggi da espressioni incattivite e rancorose: «Evitare parole e atteggiamenti di esclusione». Mons. Italo Castellani sarà assistente regionale Unitalsi