Mediterraneo

Ultimi contenuti per il percorso 'Mediterraneo'

“La voglia di pregare per Papa Francesco, per i temi del convegno, per la pace in Ucraina manifestata dalla nostra gente ci ha spinto a confermare la presenza dei fedeli in piazza in Santa Croce”. Lo ha comunicato il cardinale Giuseppe Betori, Arcivescovo di Firenze, al termine della riunione in Prefettura alla quale hanno partecipato tutte le autorità interessate e il Cerimoniale del Quirinale. 

«Il Signore ci ha fatto vivere un evento grande oggi, forse è la prima volta che un gruppo di vescovi dei Paesi bagnati dal Mediterraneo, insieme a un gruppo di sindaci degli stessi Paesi, molti di religione musulmana, hanno firmata un’intesa che contiene l’ispirazione dei popoli alla pace, alla giustizia, alla libertà, al bene comune». Così il cardinale Gualtiero Bassetti ha commentato la Carta di Firenze, firmata oggi da vescovi e sindaci di Firenze.

Il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Cei, e il sindaco Dario Nardella hanno firmato in Palazzo Vecchio la "Carta di Firenze". Il documento è l'atto conclusivo del convegno dei vescovi del Mediterraneo e del forum dei sindaci del Mediterraneo, che si svolgono in questi giorni a Firenze. Ecco il testo integrale (nell'originale inglese)

“Il Mediterraneo, ‘Lago di Tiberiade’ come diceva La Pira, è una culla della civiltà che ha bisogno però di essere ripensata, riorganizzata secondo criteri di modernità, ma anche nella continuità su quei valori che l’hanno resa grande nella storia: cultura, religione, tutte contaminazioni positive che oggi trovano difficoltà soprattutto nella coesione sociale”. Lo ha affermato Alessandro Martini, assessore del Comune di Firenze e delegato al convegno Mediterraneo Frontiera di pace.