Ucraina

Ultimi contenuti per il percorso 'Ucraina'

Il palazzo episcopale dei siro-cattolici di Mosul è stato bruciato dagli estremisti islamici dell’Isil. Lo riferisce Radio Vaticana che dà notizia di un incontro avvenuto stamani in Vaticano tra il patriarca della Chiesa cattolica sira, Ignace Joseph III Younan e l’arcivescovo Dominique Mamberti, segretario per i Rapporti con gli Stati. Papa Francesco sta seguendo con grande preoccupazione e vicinanza la situazione in Iraq, dove la comunità cristiana è a rischio sopravvivenza. A Mosul non ci sono più cristiani dopo quasi duemila anni.

«Il Santo Padre Francesco ha appreso con costernazione la notizia della sciagura dell'aereo della Malaysian Airlines nella regione orientale dell'Ucraina, segnata da forti tensioni. Il Papa eleva la sua preghiera per le numerose vittime dell'incidente e per i loro familiari, rinnovando alle parti in conflitto l'accorato appello per la pace e per un impegno a trovare soluzioni di dialogo, al fine di evitare ulteriori perdite di vite umane innocenti». È quanto si legge in un comunicato diffuso dalla Sala Stampa della Santa Sede.

«‘Andare', o meglio, ‘partire' diventa la parola chiave della festa odierna: Gesù parte verso il Padre e comanda ai discepoli di partire verso il mondo». Lo ha detto, ieri mattina, Papa Francesco, in occasione della recita del Regina Cæli nella festa dell'Ascensione di Gesù al cielo, con i pellegrini giunti a piazza San Pietro.

Dopo la recita del Regina caeli, Francesco ha lanciato oggi un appello: «Con animo rattristato, prego per le vittime delle tensioni che ancora continuano in alcune regioni dell'Ucraina, come pure nella Repubblica Centroafricana. Rinnovo il mio accorato appello a tutte le parti implicate, perché siano superate le incomprensioni e si ricerchi con pazienza il dialogo e la pacificazione. Maria, Regina della Pace, ci aiuti tutti con la sua intercessione materna».

Per la prima volta nella storia dell'Ucraina si è tenuto ieri, nel Parlamento di Kiev, un tavolo di unità nazionale al quale hanno partecipato i leader religiosi delle principali confessioni, il primo ministro e i membri del governo, i leader dei partiti politici, i deputati e i rappresentanti del governo locale, scienziati, personalità della cultura e del mondo civile.

«La strada di Emmaus» diventa «simbolo del nostro cammino di fede: le Scritture e l'Eucaristia sono gli elementi indispensabili per l'incontro con il Signore». Lo ha detto, ieri mattina, Papa Francesco, in occasione della recita del Regina Cæli, da piazza San Pietro, commentando il Vangelo della terza domenica di Pasqua, che è quello dei discepoli di Emmaus.

Un appello alla calma, a non cedere alle provocazioni e una richiesta a tutti “i politici al potere” in Ucraina e all’estero affinché s’intensifichino gli sforzi per ridare pace al Paese ed evitare ogni escalation di violenza. A lanciarlo è il vescovo di Odessa-Simferopoli, monsignor Bronislav Biernacki, all’indomani degli scontri che hanno messo a ferro e fuoco la città di Odessa, porto sul mar Nero, provocando decine di morti e feriti.