Unione Europea

Ultimi contenuti per il percorso 'Unione Europea'

Nelle strutture Caritas a Lesbo sono tutti in attesa della visita del Papa il 16 aprile. Sono in maggioranza famiglie con bambini, donne incinte, persone con disabilità, anziani, persone vulnerabili. Dall'inizio di dicembre ad oggi Caritas Hellas ha ospitato più di 5.000 persone e tuttora ne sostiene, anche con la distribuzione di sacchi a pelo, indumenti, prodotti per l'igiene e per i bambini, oltre 3.000.

(Bruxelles) Il «day after», il giorno dopo dei commenti. Nelle sedi istituzionali Ue non si parla d’altro che dell’esito del referendum consultivo olandese sull’accordo di associazione tra Unione europea e Ucraina, firmato nel 2014, entrato in vigore da pochi mesi con l’intento di sostenere le riforme a Kiev e di intensificare i rapporti economici e commerciali con il grande Paese dell’est (anche – benché non affermato esplicitamente – in chiave anti-Mosca).

Sabato 16 aprile papa Francesco, il patriarca ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo I e Sua Beatitudine  Hieronymos, arcivescovo di Atene e di tutta la Grecia si ritroveranno nell'isola di Lesbo, nel Mar Egeo, divenuta in questi mesi meta di migliaia di rifugiati in fuga dai paesi in guerra. Scopo della iniziativa  è «contribuire alla presa di coscienza della comunità internazionale» di un problema umanitario.

Bruxelles, cuore dell'Unione Europea, è sotto attacco. Dopo le due esplosioni all’aeroporto internazionale di Zaventem, attorno alle 8, altre esplosioni si sono registrate nella metropolitana alla stazione di Maelbeek. La città è paralizzata e l'esercito è sceso in strada. Il bilancio dei morti è ora di 34 persone e 136 feriti. Il premier Michel: «Tragedia. Prova difficile per il Paese, da affrontare tutti insieme». Identificati gli attentatori suicidi. Forse un'italiana tra le vittime.