Onu

Ultimi contenuti per il percorso 'Onu'

I due summit sulla crisi siriana che si terranno oggi, «potrebbero rappresentare l'ultima speranza per prevenire un nuovo disastro umanitario che coinvolgerebbe oltre 2,5 milioni di civili che vivono a Idlib, nel nord-ovest della Siria». E' l'allarme lanciato da Oxfam, in occasione del Consiglio di sicurezza dell'Onu che si riunirà oggi per discutere della situazione a Idlib, e dell'incontro tra i leader di Iran, Russia e Turchia a Teheran.

A Tripoli è stato raggiunto un accordo per il cessate il fuoco a Tripoli: lo ha annunciato ieri la Missione delle Nazioni Unite in Libia (Unsmil), in un un tweet pubblicato sull'account ufficiale della Missione. L'accordo mira a «porre fine a tutte le ostilità, proteggere i civili, salvaguardare la proprietà pubblica e privata».

A partire dal 18 aprile il Governo del Nicaragua ha commesso ripetute violazioni dei diritti umani. Lo denuncia l'Organizzazione delle Nazioni Unite (Onu), che in un rapporto presentato ieri denuncia l'uso sproporzionato della forza da parte della polizia, provvedimenti extragiudiziali, sparizioni forzate, detenzioni arbitrarie, episodi di tortura, specificando che i gruppi paramilitari hanno agito con l'approvazione delle autorità.

In un rapporto di 41 pagine redatto da un gruppo di esperti incaricati dall'Ufficio per i diritti umani (Ohchr), le Nazioni Unite puntano il dito contro la coalizione militare a guida saudita e i ribelli houthi, sostenendo che le violazioni contro la popolazione civile dello Yemen esaminati possono inquadrarsi come crimini di guerra.

(da Rimini) «I conflitti divampano in molte parti del mondo. Xenofobia e razzismo sono fenomeni in aumento in alcuni paesi e regioni. Il Meeting di Rimini, che riunisce persone provenienti da contesti etnici, religiosi e culturali diversi è un gradito antidoto a tutto questo». Lo scrive il segretario generale dell’Onu, António Manuel de Oliveira Guterres, nel messaggio inviato alla presidente del Meeting di Rimini, aperto ieri.