Unicef

Ultimi contenuti per il percorso 'Unicef'

5 giorni fa gli intensi attacchi hanno danneggiato le stazioni di pompaggio dell’acqua che fornivano acqua pulita a 250mila persone nella parte orientale della città di Aleppo. Lo scrive l’Unicef che spiega come «oltre 100mila bambini sono stati costretti a bere acqua da fonti non sicure, o da fori superficiali nelle tubature o da pozze d’acqua che fuoriusciva dai tubi rotti».

Se il mondo non si concentrerà sulla drammatica situazione dei bambini più svantaggiati, entro il 2030 (data conclusiva degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile) 69 milioni di bambini sotto i 5 anni moriranno per cause prevalentemente prevenibili, 167 milioni di bambini vivranno in povertà e 750 milioni di donne si saranno sposate da bambine; più di 60 milioni di bambini in età da scuola primaria saranno esclusi dalla scuola.

Lo sforzo di portare a milioni di persone nel mondo acqua pulita diventerà ancora più difficile a causa dei cambiamenti climatici, che minacciano i rifornimenti idrici e la sicurezza dell’acqua per milioni di bambini che vivono in aree soggette a siccità o alluvioni. Inoltre, nel mondo, almeno 2,4 miliardi di persone non hanno servizi igienici. Lo ricorda l’Unicef, in occasione della Giornata mondiale dell’acqua, celebrata ieri.

«A una settimana dal sisma cresce il rischio malattie per i bambini» del Nepal. Il pericolo di malnutrizione riguarda 15mila minori. La denuncia viene dall'Unicef, presente nel Paese asiatico per affrontare l'emergenza del dopo-terremoto, «che ha distrutto più di 130mila case» e ora «3 milioni di persone hanno bisogno di assistenza alimentare».