Ong

Ultimi contenuti per il percorso 'Ong'

Stop alle «misure poliziesche». Sono oltre 40, fra associazioni, movimenti politici, ong, giuristi, comunità religiose e sindacati (tra cui Emergency, Cgil, Rete antirazzista fiorentina, comunità delle Piagge) ad aver sottoscritto una lettera inviata al prefetto di Firenze Laura Lega in cui è chiesta la revoca delle due circolari licenziate da Palazzo Medici Riccardi ed inviate ai centri di accoglienza che prevedono il rientro dei migranti alle 20 e il controllo dei pacchi legati al commercio online.

17 persone sono state trovate morte questa settimana al largo delle coste spagnole, portando a più di 2.000 il numero delle vite perse quest'anno nel Mediterraneo. La maggior parte dei decessi è stata registrata durante gli attraversamenti in direzione dell'Italia, rappresentando oltre la metà di tutti i decessi registrati quest'anno, nonostante la Spagna sia divenuta la principale destinazione dei nuovi arrivi, con più di di 48.000 persone, rispetto alle circa 22.000 in Italia e alle 27.000 in Grecia. Sono le cifre rese note oggi dall'Unhcr, l'Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati.

Presentato oggi a Roma il Rapporto immigrazione curato da Caritas e Migrantes, intitolato «Un nuovo linguaggio per le migrazioni. Il direttore della Caritas, mons. Soddu parla di un paese che «sembra aver perso la bussola in preda ad una sorta di isteria collettiva». Oliviero Forti denuncia come sul tema della cittadinanza italiana agli immigrati le responsabilità di quanto sta accadendo è anche dei parlamentari della scorsa legislatura.

«La nave Aquarius, gestita in collaborazione da Sos Mediterranee e Medici Senza Frontiere (Msf), ha ricevuto autorizzazione formale dalle autorità maltesi a entrare nel porto di La Valletta». Lo annuncia con una nota Msf che si dice «sollevata» dall’aver ricevuto un porto sicuro per sbarcare le 141 persone vulnerabili soccorse nel Mediterraneo. 

La nave della Ong Sos Mediterranée, con il supporto a bordo di Medici senza frontiere, ha lasciato il primo agosto il porto di Marsiglia per recarsi di nuovo nella zona Sar (Search & rescue), ossia le acque internazionali dove avvengono più di frequente i naufragi. A sostegno della sua azione c'è una lettera aperta firmata da oltre 500 personalità di tutta Europa.

Oltre 600 persone, tra cui neonati e bambini, sono annegate o disperse nel tentativo di attraversare il Mediterraneo centrale nelle ultime 4 settimane soltanto. Di questi, almeno 410 sono morti in acque internazionali tra Malta, Italia e Libia. Sono i numeri forniti oggi da Medici senza frontiere in una nota nella quale viene spiegato che «queste tragedie, che rappresentano la metà delle morti in mare nel 2018, sono avvenute mentre non c'erano più navi di soccorso delle organizzazioni non governative (Ong) attive nel Mediterraneo».