Pace

Ultimi contenuti per il percorso 'Pace'

Il documento conclusivo del Campo internazionale 2019, organizzato al «Villaggio La Vela», di Castiglione della Pescaia (Gr), dal 9 al 20 agosto, dall'Opera per la Gioventù «Giorgio La Pira» e al quale hanno preso parte circa 120 giovani, provenienti da tanti Paesi del mondo.

Una speciale preghiera per «i fratelli musulmani del Kashmir» è stata organizzata nei giorni scorsi dal Comitato di solidarietà ecumenica di Lahore, di cui fanno parte leader cristiani pakistani di varie confessioni, appartenenti alla Chiesa cattolica, Chiesa anglicana, Chiesa presbiteriana, Esercito della Salvezza. 

«Una cultura della pace e della convivenza è indispensabile e va costruita e portata avanti a tutti i livelli: locali, istituzionali, in ambienti laici e religiosi, soprattutto a partire dai giovani e dunque dalla scuola che ha una funzione decisiva in fatto di trasmissione della cultura, della memoria, della responsabilità e dei diritti». È quanto affermato dalla senatrice a vita Liliana Segre, nel suo saluto indirizzato a Rondine Cittadella della Pace che oggi a Roma, presso il Senato della Repubblica, ha presentato il suo Rapporto annuale 2018 nel quale traccia un primo bilancio della campagna globale per la riduzione dei conflitti armati nel mondo.

Seguire Gesù non ammette rimpianti, ha detto il Papa ieri all'Angelus, commentando il brano del Vangelo della Domenica. Essere discepoli del Maestro significa essere come lui radicali e decisi e sempre in movimento. Anche la Chiesa, «non se ne sta sedentaria e tranquilla nel proprio recinto». Poi il pensiero alla Corea e l'augurio a tutti di un periodo di riposo.

Ricevendo i delegati della Roaco, Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali, Papa Francesco esorta ad ascoltare il grido di chi è stato derubato della speranza e ad aumentare l’impegno nei confronti dei giovani desiderosi di un futuro di pace: «gridano le persone in fuga ammassate sulle navi, in cerca di speranza, non sapendo quali porti potranno accoglierli».

Un progetto per individuare le criticità di ogni territorio ed elaborare iniziative innovative che tengano conto delle diversità specifiche. È il senso del progetto Itaca, presentato oggi e sostenuto dalla Fondazione Vodafone Italia, nell’ambito di YouTopic Fest, il festival internazionale del conflitto di Rondine, in corso ad Arezzo.