Parlamento europeo

Ultimi contenuti per il percorso 'Parlamento europeo'

(Sir Europa - Bruxelles) - Calendario fitto per le istituzioni europee al debutto del 2015. Il 1° gennaio ha portato la Lituania entra a far parte dell’eurozona come 19° Stato membro. Le autorità monetarie di Vilnius hanno vigilato - assieme al sistema bancario e agli operatori commerciali - sulla regolarità del passaggio dalla moneta nazionale, lita, all’euro.

Il discorso del Papa «è stato un messaggio di speranza e incoraggiamento non solo per i membri del Parlamento europeo, ma per tutti i cittadini d'Europa»: così il presidente dalla Commissione delle Conferenze episcopali dell'Ue (Comece), il card. Reinhard Marx, ha commentato la visita di papa Francesco alle istituzioni europee a Strasburgo, avvenuta ieri, «primo incontro del papa con l'Europa nel suo insieme», e che quindi mostra «la stima del papa verso l'Unione».

Papa Francesco nei Palazzi d'Europa resta se stesso, uomo di fede che abita il suo tempo. E porge parole impegnative, laiche quanto esigenti per i cittadini europei come per i loro rappresentanti. A un Continente «invecchiato» dice che «è giunto il momento di abbandonare l'idea di un'Europa impaurita e piegata su se stessa per suscitare e promuovere l'Europa protagonista, portatrice di scienza, di arte, di musica, di valori umani e anche di fede.

(Sir Europa - Strasburgo) - Appena giunto alla sede del Parlamento europeo a Strasburgo il Papa ha incontrato i dipendenti dell'istituzione con le rispettive famiglie. Quindi un faccia a faccia con il presidente dell'Assemblea Ue, Martin Schulz, la firma del Libro d'Oro e uno scambio di doni (il Papa ha donato una raffigurazione di una colomba delle pace).

Una lettura, articolata ma attraversata da alcune parzialità, del papato di Francesco, affidata a un testo preparato negli uffici della Direzione generale delle politiche esterne del Parlamento europeo. Il Pontefice è apprezzato per la sua vicinanza ai poveri e alle «periferie esistenziali». Le «riforme» in atto nella Chiesa. Sottolineati i punti di distanza tra Santa Sede e istituzioni comunitarie