Pasqua

Ultimi contenuti per il percorso 'Pasqua'

"Mi è particolarmente gradito in questo momento rivolgermi a tutti voi, senza distinzioni, con un augurio semplice ma sincero. Le circostanze quest’anno non ci permetteranno di frequentare le cerimonie liturgiche, né di ritrovarci insieme a pranzo nelle nostre famiglie con parenti e amici": inizia così il messaggio con gli auguri di Pasqua ai pratesi scritto dal vescovo Giovanni Nerbini

"Quest’anno, in cui non è sembrato opportuno riproporre il rito dello Scoppio del Carro, non si è voluto però far mancare a Firenze il suo fondamento, il suo significato più profondo. La luce del fuoco benedetto c’è, e ci sarà sempre, ed è la fiamma del Cero pasquale". Così il cardinale Giuseppe Betori ha spiegato il gesto con cui, durante la Messa nel giorno di Pasqua, ha portato sul sagrato del duomo il cero acceso la sera prima con le pietre del Santo Sepolcro, come vuole la tradizione. 

Non ci sarà, quest'anno, lo Scoppio del Carro, la più antica tradizione di Pasqua di Firenze. Ieri però, all'inizio della veglia pasquale, è stato acceso il fuoco santo con le pietre del santo sepolcro. Alle 9,30 la Messa durante la quale, al canto del Gloria, il cero pasquale acceso col fuoco sacro sarà portato dal cardinale Betori sul sagrato, a illuminare la città. La celebrazione su TvPrato e in diretta streaming (qui il link per la Messa del giorno)

Sarà trasmessa in diretta streaming (qui il link per la Veglia) stasera alle 23 la Veglia di Pasqua presieduta dal cardinale Giuseppe Betori nella cattedrale di Santa Maria del Fiore. Domani la Messa del giorno di Pasqua, (qui il link per la Messa del giorno) alle 9,30, che sarà trasmessa anche in televisione, su TvPrato (canale 74). I libretti da scaricare: Veglia Messa del giorno

"Quella di quest'anno è una Pasqua decisamente diversa e nello stesso una Pasqua sempre uguale a se stessa nel mistero che celebriamo nella liturgia della fede": così l'arcivescovo di Pisa  Giovanni Paolo Benotto nel messaggio pasquale in uscita sul dorso diocesano (Vita Nova) di Toscana Oggi. 

"Pensiamo a coloro che sono stati particolarmente colpiti dalla sofferenza, ai tanti lutti nella nostra Italia, a chi è solo, povero, malato, scoraggiato". Questo un passaggio del messaggio per la Pasqua scritto dal vescovo di Montepulciano-Chiusi-Pienza e pubblicato su Toscana Oggi-L'Araldo Poliziano

"Carissimi, la notte sarà ancora lunga, e avremo bisogno di tanta fede, di tanta speranza e di tanto amore. Restiamo uniti, in comunione con tutti gli uomini di buona volontà e facciamo Pasqua, "passiamo" oltre questa notte e ogni notte". Il vescovo Roberto Filippini si rivolge così alla diocesi in occasione della Pasqua nel messaggio pubblicato su Toscana Oggi-La Voce della Valdinievole