Pasqua

Ultimi contenuti per il percorso 'Pasqua'

"La pandemia ci priva del gesto della lavanda dei piedi, ma la celebrazione nella “Cena del Signore” non perde per questo il suo carattere di rappresentazione di come Gesù che si è fatto nostro servo e di chiamata a noi, suoi discepoli, a farci servi gli uni degli altri". Il cardinale Giuseppe Bewttori ha iniziato così l'omelia della Messa in Coena Domini celebrata ieri pomeriggio nel Duomo di Firenze

“Tutti abbiamo bisogno di qualcuno che si chini verso di noi, come anche noi di chinarci verso i fratelli e le sorelle”. Lo ha affermato oggi pomeriggio il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve, nell’omelia pronunciata nel corso della Messa in Coena Domini che ha presieduto in cattedrale.

"In questa Messa del Crisma «manifestazione della comunione dei presbiteri con il loro vescovo», torniamo a riunirci come presbiterio diocesano e viviamo questo momento anche come occasione di gratitudine e auguri per quanti in questo anno hanno celebrato o celebreranno una ricorrenza giubilare del ministero". Così il cardinale Giuseppe Betori ha iniziato stamani la celebrazione della Messa del Crisma

Ieri pomeriggio, nella Cattedrale di Arezzo, il vescovo Riccardo ha presieduto la Messa del Crisma, durante la quale i presbiteri della diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro hanno rinnovato le promesse sacerdotali, i diaconi la collaborazione e i ministri istituiti il loro servizio a favore della comunità diocesana. Inoltre sono stati benedetti gli Olii dei Catecumeni e degli Infermi e il Crisma che serviranno per l’amministrazione dei Sacramenti nel corso dell’anno.

"È una Pasqua già diversa da quella dell’anno scorso, ma ancora segnata da molte restrizioni e soprattutto da notevoli sofferenze. Una Pasqua vera, comunque, in cui guardare come sempre a Cristo Signore e tenere lo sguardo fisso su Lui che è, che era e che viene". Lo ha detto ieri pomeriggio mons. Mario Meini, vescovo di Fiesole, alla celebrazione della Messa Crismale nella Cattedrale di San Romolo.

“Il vero servizio è spesso nascosto e passa inosservato dai mass media e dalle piattaforme social. È solo il risultato della totale donazione di sé agli altri. Per farlo, tuttavia, dobbiamo lasciare che Cristo ci serva e ci lavi i piedi. Se resistiamo, come fece inizialmente Pietro, non potremo mai capire cosa significhi essere discepoli”. Lo ha detto mons. Pierbattista Pizzaballa, patriarca latino di Gerusalemme, celebrando oggi nella città santa la Messa in Coena Domini. 

Le diocesi toscane «si rendono pienamente disponibili a mettere a disposizioni per le vaccinazioni le strutture della Chiesa». Lo affermano i vescovi toscani nel comunicato finale dei lavori dell'ultima assemblea della Conferenza Episcopale Toscana. Celebrare le solennità pasquali in presenza è «un segno di speranza che dà consolazione al cuore». Ecco il testo completo.