Pasqua

Ultimi contenuti per il percorso 'Pasqua'

Pasqua e Pasquetta al galoppo sulla spiaggia di San Vincenzo (LI) con la seconda edizione della Quintana Storica in agenda domenica 21 aprile (dalle 15.00) e con la tredicesima edizione del Palio della Costa Etrusca in programma a Pasquetta, lunedì 22 aprile (dalle 14.30) con la sfida tra i migliori fantini di Piazza del Campo in groppa ai più veloci cavalli montati a pelo d’Italia.

Nella preghiera conclusiva della Via Crucis al Colosseo, Papa Francesco ha fatto un elenco di tutte  le «croci del mondo»: dai migranti ai bambini, dalla «umanità che vaga nel buio dell’incertezza e dell’oscurità della cultura del momentaneo» alle famiglie «spezzate dal tradimento, dalle seduzioni del maligno o dall’omicida leggerezza e dall’egoismo»... Ecco il testo integrale.

«Oggi vogliamo contemplare il Crocifisso proprio in questa veste: come il prototipo e il rappresentante di tutti i reietti, i diseredati e gli ‘scartati’ della terra, quelli davanti ai quali si volta la faccia da una altra parte per non vedere». È l’inizio dell’omelia tenuta da padre Raniero Cantalamessa, predicatore della Casa Pontificia, durante la celebrazione della Passione del Signore, presieduta questo pomeriggio dal Papa nella basilica di San Pietro.

Un appello a farsi carico dei «nuovi crocifissi» di oggi e dei «troppi calvari sparsi per il mondo». A lanciarlo è suor Eugenia Bonetti, nelle meditazioni scritte per la Via Crucis su incarico del Papa. Le storie di madri, bambini, migranti, vittime delle tratta e di trafficanti senza scrupoli, mentre noi ci rintaniamo nelle nostre «cittadelle blindate», sono un invito a farsi carico di queste «vie dolorose» rompendo il circolo colpevole del silenzio, dell'ipocrisia e dell'indifferenza. Tutti siamo responsabili, ognuno di noi può fare qualcosa. Soprattutto le donne

«Il vescovo non è il più importante, il vescovo deve essere il più servitore». Perché «la regola di Gesù, la regola del Vangelo» è «la regola del servizio». Con queste parole, pronunciate a braccio come tutta l’omelia, il Papa ha spiegato il gesto della lavanda dei piedi a 12 detenuti del carcere di Velletri, che ha compiuto subito dopo.

Nessun permesso è stato concesso da Israele ai cristiani di Gaza per permettere loro di uscire dalla Striscia e recarsi a Gerusalemme per pregare durante le feste pasquali. A dichiararlo al Sir è Wadie Abunassar, responsabile per i media dei leader delle Chiese cristiane in Terra Santa.