Pedofilia

Ultimi contenuti per il percorso 'Pedofilia'

È tornato a riunirsi in Toscana il servizio regionale che si occupa della protezione di bambini e persone vulnerabili. Obiettivo: un piano formativo che raggiunga sacerdoti, religiosi e religiose ma anche catechisti, animatori e chiunque operi in ambito educativo. Il vescovo Ciattini: «La Chiesa deve farsi trovare unita, è necessario passare dal lutto all’azione»

“La pedopornografia e la pedofilia rappresentano una piaga ripugnante a danno dei minori che non si arresta e produce un drammatico esito di abusi già perpetrati sui bambini di cui molti, per non dire quasi tutti, non avranno modo di essere sostenuti nel loro percorso di cura di aiuto e di ottenere giustizia”. Lo scrive, in una nota diffusa oggi, don Fortunato Di Noto, fondatore dell’associazione Meter che dal 1989 si batte contro la pedofilia e lo sfruttamento dei bambini. 

I vescovi di Inghilterra e Galles saranno accompagnati da un nuovo organismo composto da sopravvissuti agli abusi del clero, che avrà un compito di consulenza rispetto alle “questioni di salvaguardia all’interno della Chiesa”, nell’ambito di una “riforma di ampia portata sulla protezione dell’infanzia”. 

Si è celebrata ieri e per la prima volta la Giornata mondiale per la prevenzione, la guarigione e la giustizia degli abusi sessuali sui minori. Padre Zollner, membro del Centro per la protezione dell'infanzia della Gregoriana e della Pontificia Commissione per la tutela dei minori, traccia un bilancio dell’impegno che la Chiesa sta portando avanti nel campo della prevenzione e della lotta contro questa piaga.

Si celebra oggi la prima “Giornata mondiale per la prevenzione, la guarigione e la giustizia degli abusi sessuali sui minori”, istituita dai sopravvissuti e dai loro sostenitori. Per l’occasione, si apre oggi un Simposio internazionale virtuale, organizzato da Harvard, dall’Università cattolica americana e dal Centro per la protezione dei minori della Pontificia Università Gregoriana, dal titolo “Prevenire e guarire l’abuso sessuale sul minore”. 

Provvedimenti importanti volti a cambiare il rapporto delle istituzioni ecclesiastiche con le vittime, l’organizzazione della Conferenza episcopale affinché “la prevenzione sia iscritta al centro delle attività pastorali”, e i mezzi di indagine sui fatti denunciati perché siano ricostruiti nel modo “più giusto ed efficace”. 

Il 18 novembre i riflettori si accenderanno sulla protezione dei minori contro lo sfruttamento e gli abusi sessuali, perché si celebra la Giornata europea dedicata – in questo 2020 così speciale per i minori – a un tema delicato: come prevenire e attenuare i rischi connessi alle immagini e/o ai video a sfondo sessuale che gli stessi minorenni producono e fanno circolare. 

La Diocesi di Prato si dota di un servizio di ascolto per la tutela dei minori e degli adulti vulnerabili. Sul sito web diocesiprato.it  è stato attivato uno sportello telematico attraverso il quale sarà possibile inviare segnalazioni e denunce direttamente, e nel pieno rispetto della riservatezza, al referente diocesano nominato dal vescovo Giovanni Nerbini.