Giorgio La Pira

Ultimi contenuti per il percorso 'Giorgio La Pira'

Il profilo di Pino (Giuseppe) Arpioni, collaboratore di Giorgio La Pira, fondatore dell'Opera per la Gioventù «Giorgio La Pira», che si occupa di formazione dei giovani, e dei Villaggi «Il Cimone» di Pian degli Ontani e «La Vela» di Castiglion della Pescaia.

C'è chi dice che a Firenze in quegli anni di grande fermento, dopo il passaggio della Seconda Guerra Mondiale, operassero tre santi che incarnavano le tre virtù teologali: fede, speranza, carità. E se don Facibeni, che si impegnava per dare una famiglia agli orfani di guerra, rappresentava la carità; se Giorgio La Pira, con la sua politica improntata ai grandi ideali, era l'uomo della speranza, il cardinale Elia Dalla Costa impersonava senza dubbio la fede. «È proprio così - annuisce don Divo Barsotti - Dalla Costa è l'uomo della fede: una fede ferma, solida, rigorosa».

«Fin dal primo incontro che ho avuto con lui, ho subito trovato una forte sintonia, anche affettiva. Mi è sembrato di ritrovare in lui qualcosa di Giorgio La Pira, quasi avesse ereditato una parte del suo spirito, un po' come Eliseo aveva ereditato una parte dello spiri-to di Elia». E' stato questo il filo conduttore dell'omelia che l'arcivescovo di Firenze, card. Ennio Antonelli, ha pronunciato stamani durante le esequie di Pino Arpioni, il fondatore dell'Opera per la Gioventù “Giorgio La Pira”, morto mercoledì scorso all'ospedale di Careggi, all'età di 79 anni.