Madre Teresa

Ultimi contenuti per il percorso 'Madre Teresa'

Francesco, nella sua ultima tappa a Skopje, ha incontrato ieri i sacerdoti e le loro famiglie nella Cattedrale del Sacro Cuore di Gesù a Skopje. Nelle sue parole la grazia di respirare insieme a due polmoni, il rifiuto del carrierismo e del complesso di inferiorità, l'esortazione ad essere quel profumo capace di lasciare nella Chiesa e nel mondo un'impronta inconfondibile. Infine il richiamo alla tenerezza.

Nel primo discorso in Macedonia del Nord, Papa Francesco ripercorre la cultura millenaria del  Paese che, oltre ad essere un esempio di «convivenza serena», ha offerto accoglienza e un «valido riparo» a profughi e migranti. Francesco ha ricordato l'esempio di «una grande donna» nata a Skopje: Santa Madre Teresa di Calcutta

Il direttore ad interim della Sala Stampa Vaticana ha fornito oggi alcuni dettagli sul viaggio apostolico di Francesco in Bulgaria e Macedonia del Nord. Attese 7-8mila persone alla Messa a Sofia. Nella visita privata al campo profughi «il Papa riceverà i disegni dei bambini». 242 le Prime Comunioni a Rakovsky

Grande festa, ieri, nella diocesi di Grosseto, in occasione della messa, presieduta dal vescovo Rodolfo Cetoloni, per la dedicazione della nuova chiesa di Madre Teresa di Calcutta, nel quartiere Cittadella. Al rito, durato circa tre ore e concelebrato da una trentina di sacerdoti, tra cui don Valerio Pennasso, direttore dell'ufficio Cei per i beni culturali ecclesiastici e per l'edilizia di culto, hanno partecipato circa 700 persone.

Saranno quattro le campane che batteranno i rintocchi nel quartiere Cittadella, a Grosseto, dall’elegante campanile che svetta dalla chiesa in costruzione, intitolata a Madre Teresa di Calcutta. Fuse dalla fonderia De Poli di Vittorio Veneto, le campane saranno benedette dal vescovo di Grosseto, mons. Rodolfo Cetoloni, mercoledì 26 settembre alle 17.30 negli spazi della parrocchia guidata da don Marian Gjini.

«Sono felice per e con il popolo della comunità della Cittadella che aspetta da anni la sua nuova Chiesa». Così don Marian Gjini, amministratore parrocchiale della Beata Madre Teresa di Calcutta, a Grosseto, commenta l’ufficializzazione della data di consacrazione della nuova chiesa di via Stati Uniti.