Comuni

Ultimi contenuti per il percorso 'Comuni'

Il presidente dell'Anci, Antonio Decaro, a nome di tutti i sindaci che contavano sulle risorse del bando periferie, bloccate dal decreto Milleproroghe, ha scritto al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, chiedendogli di intervenire per «evitare che tale scellerata decisione dispieghi in toto i suoi effetti nefasti» e per «ripristinare un importante, e strategico per il Paese, vincolo di solidarietà tra istituzioni».

In vista della Conferenza dei servizi convocata per il 7 settembre, il consiglio comunale di Firenze ha dato il via libera al masterplan dell'aeroporto di Peretola, con la nuova pista. Ma i sindaci di Prato, Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio, Calenzano, Signa, Poggio a Caiano e Carmignano hanno firmato uan nota congiunta per marcare il loro dissenso. Le precisazioni di Enac: conferenza non pregiudica scelte politiche.

È stato siglato ieri, presso il Castello del Piagnaro di Pontremoli (MS), alla presenza del presidente nazionale del Forum delle Associazioni Familiari, Gigi De Palo, il protocollo d'intesa che sancisce ufficialmente l'impegno dei Comuni di Pontremoli, Tresana, Villafranca, Casola, Licciana Nardi e Massa a mettere in campo politiche che abbiano come fulcro il valore portante dei nuclei familiari per il welfare cittadino.

La commissione Affari istituzionali del Consiglio regionale dà il primo via libera alle consultazioni referendarie su tre fusioni dei Comuni: Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d'Elsa, Dicomano e San Godenzo (Firenze), Bibbiena e Ortignano Raggiolo (Arezzo). Sarà l'assemblea toscana nella prossima seduta ad approvare in maniera definitiva le tre proposte di legge collegate per chiamare al voto i cittadini.

Il centrodestra in Toscana fa l'asso piglia tutto e ai ballottaggi si porta a casa Pisa, Siena e Massa, oltre a Pietrasanta che governava già. Il centrosinistra vince solo a Campi, mentre a Pescia l'ex sindaco Pd Oreste Giurlani batte il candidato del centrodestra. E Rossi fa autocritica: «Disfatta meritata, bisogna andare oltre Pd e LeU».

Erano chiamati alle urne poco meno di 7 milioni di elettori, ma ai seggi è andato il 61,2% degli aventi diritto, contro il 67,2 della precedente consultazione (i dati del Viminale non tengono conto della Sicilia che ha un conteggio autonomo). Come sempre accade nelle tornate amministrative, i fattori locali hanno una forte incidenza, così come il crescente fenomeno delle liste civiche. Così il voto in Toscana.