Elezioni

Ultimi contenuti per il percorso 'Elezioni'

(Bruxelles) Due terzi dei cittadini Ue teme che le prossime elezioni del Parlamento europeo (23-26 maggio 2019) possano essere influenzate da attacchi informatici. Lo rivela un'indagine diffusa oggi da Eurobarometro (realizzata per conto dell'esecutivo Ue) a margine del convegno annuale sui diritti fondamentali promosso a Bruxelles dalla Commissione europea.

(Strasburgo) «Avvicinare i cittadini alle istituzioni europee», spiegando «nella maniera più semplice possibile cosa fa l'Ue» per giovani, lavoratori, categorie sociali, imprese, territori, enti locali. È l'obiettivo principale del sito web interattivo e multilingue «Cosa fa l'Europa per me» (www.what-europe-does-for-me.eu), realizzato dal Servizio di ricerca del Parlamento europeo e presentato oggi a Strasburgo dal Presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani.

(New York). Il Senato resta ai repubblicani mentre alla Camera la maggioranza ora è democratica. L'urgenza di una svolta era sentita a tutti i livelli e le urne sembrano confermarlo. Trump ora infatti la stessa empasse del suo predecessore e alle prossime elezioni mancano ancora due anni, indispensabili alla presidenza per continuare a realizzare i suoi programmi.

Sì, a noi cittadini e cristiani sta a cuore l’Europa. Per questa ragione non è  mai troppo presto per cominciare a riflettere sugli appuntamenti di domani. A partire dal voto di primavera per il rinnovo del Parlamento europeo, la massima assemblea rappresentativa dei popoli del continente. Un passaggio elettorale che si prospetta come un vallo spazio temporale.

Verso le elezioni europee. Di Maio e Salvini sperano che a primavera se ne andranno i commissari che condannano i nostri conti e arriveranno i «misericordiosi» dei partiti sovranisti e populisti. Ma è un’illusione...

Il voto del 4 marzo  non ha certo risolto la crisi della politica, della sua credibilità, della sua capacità di fare scelte realistiche. Ma in un quadro caratterizzato da difficoltà economiche, dallo sfilacciamento dell’Europa e da una direzione di marcia del governo  tutt’altro che chiara e stabile, spicca l’irrilevanza dei cattolici in politica, nella cultura, ma anche nel sociale.