Elezioni

Ultimi contenuti per il percorso 'Elezioni'

«Un parlamento che sappia arginare con forza la corruzione e la mafia dilagante, favorire la ricostruzione, la riconciliazione e rendere il Paese sovrano e libero dalle pressioni di potenze internazionali e regionali». È questo l'auspicio che il patriarca caldeo di Baghdad, Louis Raphael Sako, esprime al Sir, a pochi giorni dalle elezioni politiche nazionali del 12 maggio.

Al termine del terzo giro di consultazioni il Capo dello Stato ha preso atto dell'impossibilità di far nascere un governo politico con una maggioranza parlamentare e annuncia un «governo neutrale», «di servizio», «di garanzia», con l’obiettivo di arrivare fino alla fine dell’anno e accompagnare il Paese a nuove elezioni dopo l’approvazione della legge di bilancio. 

Nel nostro dibattito su «cattolici e politica», interviene Franco Lucchesi: «C’è bisogno - scrive - di un grande lavoro che parta dal basso, che coinvolga soprattutto i giovani e che termini in una vera e propria Costituente dei cattolici in politica che definisca i contenuti della società nuova che s’intende costruire, indichi gli obbiettivi da perseguire e le strade per raggiungerli e stabilisca le regole di partecipazione e di democrazia interna».

Purtroppo, il percorso delle consultazioni gestite con esemplare linearità e trasparenza da parte del Capo dello Stato, ha messo finora in luce l'incapacità dei principali soggetti rappresentati in Parlamento - nessuno escluso - di costruire gli accordi necessari per far nascere un nuovo governo.

Il leghista Massimiliano Fedriga è il nuovo governatore del Friuli Venzia Giulia. In una consultazione che ha visto una scarsa affluenza alle urne (49,61% contro il 75,12 delle recenti politiche) trionfa il candidato del centrodestra (57,09%) che distanzia quello del centrosinistra, Sergio Bolzonello (26,84%) e ancor di più quello del M5S, Alessandro Fraleoni Morgera (11,67). Come liste, rispetto alle politiche, bene Lega e Forza Italia, crollo dei Cinque stelle (dal 24,5% al 7,07%).