Giuseppe Conte

Ultimi contenuti per il percorso 'Giuseppe Conte'

"È la crisi più difficile per l'Italia dal secondo dopoguerra". Dopo un'altra giornata nera, con un nuovo record di morti da coronavirus (793), Conte annuncia l'ultima stretta: "Abbiamo deciso di chiudere in tutta Italia ogni attività produttiva che non sia cruciale, indispensabile a garantire beni e servizi essenziali".

Conte, Merkel e Macron, riunitisi oggi a Bruxelles a margine del Consiglio Europeo per una discussione sulla situazione in Libia, «esortano tutte le parti libiche e internazionali ad astenersi dall'intraprendere azioni militari, ad impegnarsi genuinamente per una cessazione complessiva e duratura delle ostilità e a riprendere con impegno un credibile negoziato sotto l'egida delle Nazioni Unite».

Boris Johnson ha ottenuto un'ampia maggioranza a Westminster, con la quale potrebbe fare approvare, già venerdì prossimo, l'accordo di recesso che ha firmato con l'Unione europea. Il commento del premier Conte: «La sua vittoria così netta, così chiara ci consente di prospettare un'uscita ordinata» del Regno Unito dall'Unione europea.

Secondo il Rapporto Svimez, nel 2019 il Sud entrerà in «recessione», con un Pil stimato in calo dello 0,2%, a fronte della crescita dello 0,3% del Centro-Nord. Il presidente del Consiglio indica gli interventi previsti nel Piano per il Sud: riequilibrio della spesa per gli investimenti, una task force per «definanziare programmi privi di progetti» e fondi per piccoli Comuni e aree interne

Le organizzazioni che fanno parte della Campagna #IoAccolgo hanno lanciato un appello per un’azione di «mailbombing» che abbia come destinatario il presidente del Consiglio. L’invito è quello a inviare migliaia di mail da tutta Italia al premier per chiedere che il Memorandum d’intesa tra Italia e Libia venga annullato. 

«È stata un'occasione preziosa per presentare al presidente Conte, che ringraziamo per la sua attenzione, le proposte e le esperienze del Terzo settore su temi cruciali per la coesione sociale del Paese». Così Claudia Fiaschi, portavoce del Forum del Terzo settore, commenta l'incontro che i vertici nazionali del Forum hanno avuto ieri con il presidente del Consiglio dei ministri, Giuseppe Conte.

(Bruxelles) Peggioramento del deficit strutturale (0,1% del Pil), senza «il raccomandato aggiustamento dello 0,6%»; un aumento della spesa dell'1,9%, che «eccede la riduzione raccomandata di almeno lo 0,1%». E un ulteriore aumento del debito pubblico. Sono le obiezioni che appaiono nella lettera inviata dalla Commissione europea al governo italiano a proposito della manovra economica.