Giuseppe Conte

Ultimi contenuti per il percorso 'Giuseppe Conte'

«La nostra semplice vita di sorelle testimonia che stare insieme è impegnativo e talvolta faticoso, ma possibile e costruttivo. Solo la paziente arte dell'accoglienza reciproca può mantenerci umani e realizzarci come persone». È quanto si legge in una lettera aperta, a firma di 62 monasteri di clarisse e carmelitane scalze italiane, indirizzata al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e inviata per conoscenza a Papa Francesco. 

Una simbolica «pioggia di bombe» davanti al Parlamento italiano per tenere alta l'attenzione sullo Yemen, funestato da quella che oggi rappresenta la più grave crisi umanitaria al mondo. Questo il senso del flash mob svoltosi in mattinata a piazza Montecitorio per chiedere lo stop alle esportazioni di armi italiane utilizzate nel conflitto armato in Yemen.

 (Bruxelles) La Commissione prende «atto dello sforzo fiscale aggiuntivo annunciato questa settimana dalle autorità italiane e ha concluso che si tratta di uno sforzo sufficientemente sostanziale da non proporre al Consiglio l'apertura in questa fase della procedura per i disavanzi eccessivi per la non conformità dell'Italia al criterio del debito».

Quella del G20 ad Osaka, in Giappone, «sarà un'occasione per parlare della procedura d'infrazione. Siamo nel mezzo della procedura, ne trarrò occasione per confrontarmi con gli altri leader europei. Vogliamo cercare ovviamente di portare a casa un buon risultato. C'è anche il ministro Tria e lavoreremo in pieno coordinamento, in piena sinergia per questo obiettivo». Lo ha affermato il presidente del Consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, incontrando i giornalisti alla vigilia del G20 Summit di Osaka.

I forzisti Mugnai e D'Ettore hanno fatto sapere ieri che il premier Conte avrebbe avviato una procedura di diffida al governatore toscano Rossi per il «buco» accumulato nella sanità, minacciando di commissariarla. Rossi ha subito replicando parlando di lettera «datata» e di «diffida ingiustificata» e discriminante, alla luce dei conti reali della sanità toscana.