Governo

Ultimi contenuti per il percorso 'Governo'

Nel corso di una conferenza stampa il capogruppo in Consiglio regionale del Movimento 5 Stelle, Giacomo Giannarelli conferma quanto anticipato dal ministro Danilo Toninelli: il piano nazionale degli aeroporti va rifatto e l'ampliamento (eventuale) dello scalo fiorentino può attendere se non addirittura saltare. E invece per i cinque stelle va potenziato lo scalo pisano.

Antonio Marchesi, presidente di Amnesty international Italia, durante la presentazione del rapporto annuale su «La situazione dei diritti umani nel mondo», ha denunciato l'aumento di mortalità nel Mediterraneo tra quanti cercano di emigrare e l'aumento di quanti sono reclusi nei centri di detenzione in Libia, accusando il governo italiano di essere «complice non solo moralmente ma anche dal punto di vista del diritto internazionale».

Ancora un rinvio (al 29 gennaio) per la conferenza dei servizi che ieri avrebbe dovuto dare il via libera alla nuova pista dell'aeroporto di Peretola. Ma il presidente della Regione, Enrico Rossi è ottimista: le due questioni rimaste in sospeso sono risolvibili in tempi brevi. Negativo il commento del Sindaco di Sesto Fiorentino (contrario al progetto), che se la prende con il ministro Toninelli.

«Bambini e ragazzi rischiano di trovarsi privi di un tetto e dei diritti previsti dalla Convenzione di New York». A parlare è Filomena Albano, Autorità garante per l'infanzia e l'adolescenza, dopo aver appreso la notizia che alcune prefetture italiane hanno smesso di predisporre i servizi di accoglienza. 

È stato presentato stamani a Roma il documento «Non perdiamo questa occasione. I dubbi dell'Alleanza contro la povertà in Italia sul Reddito di cittadinanza», in cui si esprimono preoccupazioni per questa fase di passaggio verso il reddito di cittadinanza. Il portavoce Roberto Rossini lamenta che nonostante per tre volte abbiano chiesto un incontro con il ministro Di Maio, non sia stato possibile.

Questa settimana al posto delle consuete lettere pubblichiamo un intervento concordato tra tutti i direttori dei settimanali cattolici italiani. Si tratta di un allarme per quello che una forza politica, il Movimento5Stelle, vorrebbe includere con un emendamento alla legge di bilancio, pur non essendo nel «contratto» di governo: la cancellazione di una legge importante, i cui effetti si sarebbero visti per la prima volta proprio nel 2019, quella che riformava con rigore ed equità il sostegno pubblico all'editoria, istituendo un Fondo per il pluralismo informativo.