Luigi Di Maio

Ultimi contenuti per il percorso 'Luigi Di Maio'

Il premier incaricato Giuseppe Conte ha sciolto la riserva, accettando l'incarico di formare il nuovo governo. Tanti i volti nuovi. Degli uscenti rimangono Di Maio (esteri), Bonafede (giustizia) e Costa (ambiente). Nel Pd dentro anche Franceschini, Guerini, Bellanova e De Micheli. Domani alle 10 i nuovi ministri giureranno davanti al Capo dello Stato.

La possibilità di elezioni anticipate resta comunque sullo sfondo, ma adesso c'è in campo un tentativo concreto e costituzionalmente corretto di dare un governo al Paese. Un governo che, se vedrà la luce, nascerà in Parlamento come il precedente e come tutti i governi della Repubblica.

Al termine delle consultazioni al Quirinale il capo politico del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, ha ribadito che il Movimento non teme le elezioni ma che sono in corso colloqui per una maggioranza solida, in vista della quale ha elencato dieci punti che il Movimento ritiene indispensabili.

Non è comunque automatico che si vada ad elezioni anticipate, ad appena un anno e mezzo dalle precedenti politiche. Il Capo dello Stato deve infatti verificare l'esistenza o meno di una maggioranza alternativa in Parlamento.  Il Presidente della Repubblica potrebbe altresì dare un nuovo incarico (anche allo stesso Giuseppe Conte) per tentare di costituire un altro esecutivo con l'obiettivo prioritario di varare la legge di bilancio e, comunque, di gestire la fase elettorale.

Accenni di «indecisionismo» si erano visti a Taranto, a proposito dell'Ilva, che non è stata chiusa come promesso in campagna elettorale. Ne è nato un mal di pancia in casa 5Stelle e un altro si è aggiunto con la prosecuzione dei lavori del Gasdotto Tap fortemente osteggiato dal Movimento in Puglia. Sulla Tav il rischio di distacco da parte dell'elettorato storico è ancora maggiore e pur di evitarlo il Movimento 5Stelle ha accentuato le distanze dal mondo dell'economia...

Sulla Tav Lione-Torino ancora nessun accordo all'interno del governo. Oggi pomeriggio conferenza stampa a Palazzo Chigi delvicepremier, Luigi Di Maio, che attacca l'altro vicepremier, Matteo Salvini: «Mi ha lasciato interdetto il fatto che la Lega abbia messo addirittura in discussione il Governo legandolo al tema Tav Torino-Lione».