Matteo Renzi

Ultimi contenuti per il percorso 'Matteo Renzi'

Le novità nella manovra presentata da Matteo Renzi ci sono, eccome. Noi però saremo come San Tommaso, perché questi anni, e pure questi mesi, sono stati pieni di roboanti annunci, pian piano svaporati in qualcosa di diverso e comunque più limitato. Dove si troveranno i soldi per finanziare tutti gli interventi previsti? Dove i tagli corrispondenti di spesa?

Per sposarti devi avere una casa. Ma a venti anni per comprarti una casa devi fare un mutuo. Ma se sei precario il mutuo non te lo dà nessuno. Al massimo ti fanno la grazia di un prestito per un anno o due. Ed anche fare figli, se sei precario, è difficile se non impossibile perché ti danno un congedo di parentalità al massimo solo il primo anno.

La verità è che gli imprenditori possono quasi sempre licenziare senza grossi problemi, vedi la messa in mobilità di 900mila persone nel 2013. I licenziamenti individuali sono solo 8.000 e in 3.500 il giudice ordina il reintegro. Per non parlare di quei tre milioni e mezzo di lavoratori atipici, «licenziabili» con un paio di parole.

Questa volta l’anno scolastico comincia all’insegna di una reale - anche se non immediata - prospettiva di cambiamento. Dopo le immaginarie «rivoluzioni epocali» del governo Berlusconi e della Gelmini – in pratica una tempesta di accorpamenti di classi e di istituti, di accorciamenti di orario, di riduzione di posti, che, sotto l’etichetta della razionalizzazione e della modernizzazione, hanno consentito soprattutto una consistente riduzione degli investimenti per l’istruzione  – le «Linee guida  della riforma della scuola» presentate il 3 settembre dal governo Renzi sembrano promettere – insisto sul termine «promettere» – un effettivo cambio di passo.

AW 659 XZ. Sono ormai otto volte che ci presentiamo alla solita giovane scout all’ingresso della tenuta di San Rossore. Lei ci riconosce, ci sorride, ma ci chiede di pazientare, perché  prima di fornirci il pass per parcheggiare o transitare con l’auto dentro l’area della route nazionale, deve confrontare scrupolosamente targa con nome e nome con richiesta di accredito. Guarda le foto

Laura Boldrini aveva appena finito di parlare ai ragazzi («vi invito a presentare la Carta del Coraggio in Parlamento e per questo organizzeremo un incontro specifico alla Camera» ha detto la presidente della Camera dei deputati fissando in diretta un appuntamento) quando è rimbalzata la notizia di un prossimo blitz a sorpresa di Matteo Renzi alla route nazionale degli scout Agesci in corso a San Rossore.