Religioni

Ultimi contenuti per il percorso 'Religioni'

Parla al Sir Yassine Lafram, 32 anni, eletto nei giorni scorsi nuovo presidente dell'Unione delle comunità e organizzazioni islamiche italiane (Ucoii) e lancia un appello a cattolici e musulmani. Tra le priorità del nuovo direttivo: la mappatura dei luoghi di culto, la lotta alla radicalizzazione nelle carceri, l'educazione e la formazione dei giovani.

Tra i premiati della XVIII edizione del «Galileo 2000», la scuola per il dialogo interreligioso, nata a Firenze sulle orme di Giorgio La Pira. A presiederla è l'ex rabbino capo Joseph Levi e per vicepresidenti il vicario generale della Diocesi, mons. Andrea Bellandi, e l'imam Izzedin Elzir, presidente nazionale dell'Ucoii. La premiazione è in programma il 25 giugno.

Giovedì 24 Maggio alle ore 17 presso Sala «Maria Eletta Martini» in Via Sant’Andrea, 33 a Lucca si terrà l’incontro pubblico «Pensiero indiano e cultura occidentale» a cura della professoressa Fabrizia Baldissera che insegna «Lingua e letteratura sanscrita» presso l’Università di Firenze e che è una grande esperta di cultura e letteratura indiana.

L'Italia a colori. Aperta al dialogo e all'incontro per dire in questo tempo di paure ed incertezza che «si può, anzi, si deve lavorare insieme», per la pace, la giustizia, la fraternità. È questo il messaggio che i partecipanti al convegno in corso oggi a Roma su «Dharma e Logos», monaci e rappresentanti di cinque tradizioni di fede diverse, cristiani, buddisti, induisti, giainisti e sikh vogliono lanciare al nostro Paese.

La Corea attende «con impazienza» l'arrivo di una «Primavera di pace». Per questo, in vista dell'imminente summit inter-coreano del 27 aprile e del Summit tra Corea del Nord e Stati Uniti che si terrà in maggio, i leader delle 7 principali religioni del Paese lanciano un appello a tutti gli attori impegnati sul campo perché «la Penisola coreana, una volta arena di rivalità tra i superpoteri, possa trasformarsi in una terra di pace e dialogo». 

I richiedenti asilo di fede musulmana vanno alla scoperta delle altre religioni presenti a Firenze. Il primo incontro è stato quello con i cattolici, mercoledì scorso, al seminario vescovile di Fiesole. Si tratta di un progetto della Cooperativa Il Cenacolo, aderente al Consorzio Co and So, che mira all'integrazione passando attraverso la religione.

«Gli stranieri residenti in Italia al 1° gennaio 2017 che professano la religione cristiana ortodossa si confermano come l’anno precedente i più numerosi (oltre 1,6 milioni, +0,7%), seguiti dai musulmani (poco più di 1,4 milioni, -0,2%) e dai cattolici (poco più di un milione, -0,1%)». Questo il quadro offerto secondo le più recenti stime di Fondazione Ismu.

«Firenze saluta Idy, uomo buono e innocente che amava la nostra città». Lo ha detto il sindaco Dario Nardella alle Cappelle del commiato, dove si è tenuta la cerimonia funebre per Idy Diene ucciso il 5 marzo scorso sul Ponte Vespucci. Alla cerimonia hanno partecipato l’imam di Firenze Izzedin Elzir, il cardinale arcivescovo di Firenze Giuseppe Betori, il rabbino Amedeo Spagnoletto.