Ebrei

Ultimi contenuti per il percorso 'Ebrei'

Il saluto di Papa Francesco alla delegazione di B’nai B’rith International è nel segno della dichiarazione conciliare Nostra aetate, pietra miliare nel cammino di conoscenza e stima tra gli ebrei e i cattolici. Ripercorrendo i cinquant’anni di dialogo, il Papa sottolinea i progressi compiuti, le iniziative di reciproca conoscenza che hanno favorito un clima di fiducia e apprezzamento. Ma il punto che è più a cuore a Francesco è il lavoro per la pace che in molti Paesi del mondo, in particolare Terra Santa e il Medio Oriente, richiede “un impegno coraggioso”.

Dal 18 giugno al 27 agosto cinque giovedì tra musica, teatro e gusto nella terza edizione della kermesse organizzata dalla Comunità Ebraica di Firenze in collaborazione con il Comune di Firenze. Il 6 settembre la Sinagoga sarà capofila in Italia per la Giornata europea della cultura ebraica.

L’Europa attui «politiche serie» per «un soccorso in mare efficace, che possa evitare altre tragedie». Lo chiedono i leader delle comunità ebraica e islamica di Firenze e i rappresentanti delle Chiese cristiane della città (arcidiocesi, e chiese luterana, valdese e ortodosse rumena e greca) riuniti nel coordinamento Deci - Dialogo ebraico cristiano islamico - di Firenze che in una dichiarazione diffusa oggi uniscono la loro voce a quella di «coloro che vogliono dire ‘basta’ a questa scandalosa carneficina».

Esprimo le mie sentite condoglianze per la scomparsa, ieri sera, del Rabbino Elio Toaff, già Rabbino Capo di Roma. Sono vicino con la preghiera al Rabbino Capo Riccardo di Segni – che avrebbe dovuto essere qui con noi – e all’intera comunità ebraica di Roma, nel ricordo riconoscente di quest’uomo di pace e di dialogo, che accolse il Papa Giovanni Paolo II nella storica visita al Tempio Maggiore.
Papa Francesco ricorda così la figura del Rabbino Toaff nell’incontro con la delegazione della Conferenza dei Rabbini europei. Sottolinea poi i progressi fatti e l’amicizia che lega la Chiesa Cattolica e le Comunità ebraiche a 50 anni dalla Dichiarazione conciliare Nostra aetate.