Islam

Ultimi contenuti per il percorso 'Islam'

Yassine Lafram, numero uno della Comunità islamica di Bologna, è il nuovo presidente nazionale dell'Ucoii, l'Unione delle comunità islamiche d'Italia. Succede a Izzeddin Elzir, Imam di Firenze. Lafram  è stato eletto insieme al nuovo direttivo Ucoii durante l'assemblea generale che si  è riunita domenica scorsa, 8 luglio, proprio a Bologna.

La comunità cattolica di Liegi è sotto choc e si stringe in preghiera. Questa mattina un 36enne, Benjamin Herman, ha ucciso due poliziotte e una passante nel centro di Liegi. Una messa in memoria delle vittime verrà celebrata nella chiesa dei Benedettini che si trova a Boulevard d'Avroy, proprio nel luogo della sparatoria, mentre alle 20 l'arcivescovo di Liegi, Jean-Pierre Delville, parteciperà alla preghiera della Comunità di Sant'Egidio nella chiesa di san Bartolomeo, Place Saint-Barthélemy.

Per un milione e mezzo di musulmani presenti nel nostro Paese è iniziato il Ramadan, il mese sacro di preghiera e digiuno, dall’alba al tramonto. Si concluderà il 14 giugno. All’udienza del mercoledì è stato Francesco per primo a rivolgere ai «fratelli islamici, il mio augurio cordiale per il mese di Ramadan». Ne parliamo con l’imam di Firenze, Izzeddin Elzir, presidente dell’Ucoii.

Prima dei saluti in lingua italiana, al termine dell'udienza generale, Papa Francesco si è detto molto preoccupato per l'acuirsi delle tensioni in Medio Oriente e ha fatto gli auguri ai «fratelli islamici» per l'inizio del Ramadan

(dall'inviata Sir) «La gioia dell'incontro». Questo il leit motive delle Giornate all'insegna del dialogo islamo-cristiano» che si stanno vivendo al Santuario dell'Amore Misericordioso, Collevalenza (Perugia). A promuoverle è il «gruppo di interesse sull'islam», che fa capo all'Ufficio per l'ecumenismo e il dialogo interreligioso della Cei. Sono presenti una cinquantina di partecipanti tra imam, rappresentanti di comunità e associazioni islamiche, esperti di dialogo, animatori di centri culturali. Molti i giovani partecipanti.

All'udienza generale di oggi in piazza San Pietro hanno partecipato anche 16 giovani musulmani da Mali, Gambia, Nigeria, Guinea, Senegal, Niger. Studiano l'italiano a Firenze in una scuola di lingua ed intercultura per migranti e hanno voluto incontrare di nuovo Papa Francesco. Due anni fa li aveva fatti salire a sorpresa sul palco

I richiedenti asilo di fede musulmana vanno alla scoperta delle altre religioni presenti a Firenze. Il primo incontro è stato quello con i cattolici, mercoledì scorso, al seminario vescovile di Fiesole. Si tratta di un progetto della Cooperativa Il Cenacolo, aderente al Consorzio Co and So, che mira all'integrazione passando attraverso la religione.