Sanità

Ultimi contenuti per il percorso 'Sanità'

Dal primo aprile in Toscana sparisce il superticket di 10 euro per la digitalizzazione. Per le prestazioni di diagnostica a immagini non sarà più dovuto il contributo. La decisione era già stata annunciata dal presidente della Regione, Enrico Rossi, nella conferenza stampa di fine anno, lo scorso 22 dicembre.

Sono 24 milioni gli italiani con una patologia cronica - di questi, 12,5 milioni sono afflitti da multi-cronicità - per una spesa sanitaria che sfiora i 67 miliardi di euro, ma il numero è destinato ad aumentare. Lo rileva l'Osservatorio nazionale sulla salute nelle regioni italiani. Sono più le donne degli uomini e ci sono differenze sensibili da regione a regione. La patologia più frequente è l'ipertensione.

Il saluto e le parole del Vescovo hanno portato un sorriso di speranza ai degenti dell'ospedale Santo Stefano. Questa mattina monsignor Franco Agostinelli ha fatto visita all'ospedale di Prato in occasione della Giornata mondiale del malato che si celebra ogni anno nel giorno in cui la Chiesa fa memoria delle apparizioni della Madonna a Lourdes.

Quasi cento bambini, di cui più della metà (65) di età inferiore ai 5 anni, hanno perso la vita a causa del virus Ebola nella Repubblica democratica del Congo (RdC), da quando l'epidemia è iniziata lo scorso agosto. Secondo Save the Children,  il numero delle vittime potrebbe aumentare perché c'è stato un incremento di nuovi casi a gennaio, da circa 20 a settimana a più di 40.

Una delegazione dell’Ospedale pediatrico di Firenze e delle Fondazioni «Il Cuore si scioglie» e «Giovanni Paolo II» ha visitato il Paese che sta cercando di rialzarsi dopo la lunga guerra civile. Un grande progetto sanitario, sia per coloro che soffrono nella carne, sia per coloro che sono stati feriti nella mente e che hanno trascorso i sei anni di guerra nascosti sotto il letto, senza poter uscire di casa, giocare, andare a scuola, frequentare compagni e amici.

«La squadra è finalmente pronta e sono molto orgogliosa e felice di presentarla a tutti. Abbiamo scelto il top assoluto per esclusivi meriti scientifici e in trasparenza. Il merito dev'essere finalmente la bussola che orienta le nomine in questo Paese». Così il ministro della Salute, Giulia Grillo, commenta la firma del decreto di nomina dei 30 membri non di diritto del Consiglio superiore di sanità (Css). 

Un manifesto in nove punti che definisce i diritti e garantisce, oltre alle cure, il rispetto della dignità e il supporto religioso e spirituale per chi si trova nella fase finale della vita in strutture sanitarie. È il manifesto interreligioso dei diritti nei percorsi di fine vita presentato e firmato questa mattina a Roma, nel Complesso monumentale del Santo Spirito a Roma, frutto di particolare sensibilità nei confronti del dialogo interreligioso in ambito sanitario e volto a creare un percorso che porti ad impegni concreti.