covid19

Ultimi contenuti per il percorso 'covid19'

Dall’indagine condotta dall’Istituto Demopolis per l’impresa sociale “Con i Bambini”, nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, emerge anche che il 70% degli italiani sarebbe d’accordo a tenere le scuole aperte fino a fine luglio

Sarà a disposizione di quelle persone vulnerabili, anziani, personale scolastico e forze dell’ordine, che pur rientrando in una delle quattro categorie hanno trovato la disponibilità di posti esaurita e si candidano ad essere inseriti nella lista delle riserve nel punto vaccinale più vicino alla propria abitazione

La chiusura fino a maggio affossa i 24mila agriturismi italiani con la primavera che è la stagione preferita dagli italiani per gite fuori porta e scampagnate ma ad essere colpita è tutta la ristorazione per la chiusura del servizio al tavolo o al bancone dei 360mila bar, ristoranti, pizzerie ed agriturismi con un crack da 7 miliardi per l’intero mese di aprile.

La Toscana, con un indice di contagio di 251, da lunedì mattina 29 marzo, diventa zona rossa. L’annuncio è stato fatto nel corso della settimanale riunione del Ceps, il Comitato per l’emergenza e la prevenzione scolastica, alla quale hanno preso parte anche gli assessori al diritto alla salute e all’istruzione, Simone Bezzini e Alessandra Nardini, mentre in videoconferenza erano collegati anche sindaci, Prefetture, Unità sanitarie locali, Province.

In Toscana sono 188.800 i casi di positività al Coronavirus, 1.527 in più rispetto a ieri. Oggi si registrano 22 nuovi decessi: 9 uomini e 13 donne con un'età media di 84,5 anni. Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti Covid oggi sono complessivamente 1.730 (3 in più rispetto a ieri, più 0,2%), 257 in terapia intensiva (stabili rispetto a ieri)

“In Italia più di una famiglia su 4 (25,3%) non dispone di un accesso Internet a banda larga in grado di supportare massicci flussi di dati e collegamenti audio video necessari alla Dad la didattica a distanza”. È quanto emerge dall’analisi dell’Unione europea delle cooperative (Uecoop) su dati Istat in riferimento alle mobilitazioni in 60 città per lo sciopero nazionale della scuola contro la didattica a distanza da parte di studenti e docenti, per chiedere la riapertura in presenza di tutti gli istituti scolastici, dal nido all’Università.